Prima Divisione: il Barletta si specchia, l'Andria lo punisce - Notizie.it

Prima Divisione: il Barletta si specchia, l’Andria lo punisce

Serie Minori

Prima Divisione: il Barletta si specchia, l’Andria lo punisce

Sarà anche il derby dell’amicizia e del gemellaggio, ma alla fine erano contenti solo giocatori e tifosi dell’Andria, guidati dall’avvelenato ex Innocenti: il Barletta butta letteralmente via due punti e l’annesso primato solitario facendosi rimontare due reti dai “cugini di provincia” (chissà ancora per quanto…). Un bagno di umiltà per i biancorossi, che forse avevano considerato la pratica già archiviata, finendo per indietreggiare troppo: un peccato esiziale di fronte ad un avversario che, reduce da un calendario terribile (Spezia e Cremonese nelle prime due giornate) ha invece confermato tutta la bontà del lavoro estivo della società, decisa a puntare, a ragione, a stazionare nella prima metà della classifica.

Va comunque detto che in entrambe le reti degli ospiti sono evidenti le responsabilità di Sicignano, e che per la prima mezz’ora di gioco la superiorità tecnica e tattica (discutibile il passaggio all’Albero di Natale da parte di Di Meo) del Barletta era stata indiscutibile.

A sbloccare la gara c’aveva pensato Schetter, appena dopo il quarto d’ora, con un gran sinistro da venti metri: l’unico modo per aggirare l’attenta difesa andriese.

La squadra di Di Meo non cambia atteggiamento ed alla mezz’ora va sotto di due reti: travolgente azione di Mazzeo sulla sinistra, cross di Mazzarani per Di Gennaro che centra il palo di testa, ma Franchini è lesto a raccogliere il pallone ed a battere Spadavecchia.

Ma da questo momento comincerà un’altra partita, complice pure l’ingresso di Comini per Berretta ed il passaggio del’Andria al 4-4-2: ed al 36′ l’Andria torna già in partita grazie allo stesso argentino, o meglio grazie a Sicignano che sbaglia completamente il tempo dell’uscita spalancando la porta all’attaccante biancoazzurro sul cross di Minesso. Il Barletta accusa il colpo ed in avvio di ripresa è 2-2, firmato da Del Core (foto) con un pallonetto sull’uscita ancora incerta di Sicignano.

Da quel momento la partita si trascinerà sui binari dell’equilibrio, ma senza grandi occasioni: il Barletta va avanti con la rabbia e sfiora subito il nuovo vantaggio, con Migliaccio, che colpisce la traversa su punizione di Mazzeo, ma è un’illusione perchè nonostante i cambi di Cari la difesa dell’Andria, pur troppo bassa, non concede un metro alla profondità delle ali biancorosse.

Anzi le ultime occasioni saranno per gli ospiti di rimessa, ma prima Manco non sfrutta un cross di Comini e poi Del Core conclude troppo debolmente davanti a Sicignano. Il Puttilli non gradisce la rimonta subita e si ode qualche fischio. Difetti di crescita o limiti di personalità? Alla trasferta di Lanciano l’ardua sentenza.

Barletta-Andria 2-2

Marcatori: 18′ Schetter; 29′ Franchini; 36′ Comini; 47′ Del Core

Barletta: Sicignano; Pisani (53′ Masiero), V. Migliaccio, Mengoni (42′ Pelagias), F. Mazzarani; Di Cecco, Hanine; Schetter, Mazzeo, Franchini (76′ Guerri); Di Gennaro. (Pane, Infantino, Menicozzo, Simoncelli). All.: M. Cari.

Andria: Spadavecchia; De Giorgi (60′ Zaffagnini), Cossentino, Mucciante, Pierotti; Paolucci, Evangelisti; Berretti (32′ Comini); Minesso (57′ Manco), Innocenti, Del Core. (Ragni, Contessa, Arini, Gambino). All.: G. Di Meo.

Arbitro: Barbeno (Brescia)

Ammoniti: Mazzarani, Del Core, Paolucci, Mucciante e Pierotti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche