Prima Divisione: il Taranto non vince più, la Ternana vede la B COMMENTA  

Prima Divisione: il Taranto non vince più, la Ternana vede la B COMMENTA  

Il vento spira contro il Taranto. La vittoria continua a sfuggire ai rossoblù che nell’anticipo della 28° giornata del girone A vengono raggiunti allo scadere dal Benevento ufficializzando di fatto l’addio alla lotta per la promozione diretta in Serie B, ormai in mano alla Ternana ma implicitamente già sfumata in vista dell’ulteriore penalizzazione che colpirà il club nelle prossime settimane. Sale quindi a sei il totale dei pareggi consecutivi per la squadra di Dionigi, che ha assistito alla gara dalla tribuna per squalifica, ma è impossibile non collegare l’evidente flessione soprattutto psicologica di una squadra che sembra aver perso l’entusiasmo dei tempi migliori alla grave crisi societaria che proprio nelle prossime ore vivrà un nuovo importante aggiornamento con il confronto tra la squadra ed il patron D’Addario dopo l’ennesima promessa non rispettata in settimana sul pagamento delle mensilità arretrate.

Leggi anche: Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre


Esulta invece il Benevento che esce dallo Iacovone con un punto nel complesso non immeritato ma per entrare nei playoff servirà molto di più rispetto alle due occasioni create in 90’, entrambe poi con un difensore, Siniscalchi, e sempre allo scadere dei due tempi: al 45’ il centrale calcia a lato solo davanti a Bremec, al 90’ invece è vincente lo stacco dell’ex salernitano sulla punizione di Pintori. Punizione quindi severa per un Taranto che pur senza incantare aveva sempre tenuto le redini del gioco, colpendo un palo con un gran tiro dalla distanza di Rizzi a metà primo tempo e trovando il vantaggio al 10’ della ripresa con Di Deo che batte Gori dopo un bel triangolo con Rantier. Ma la beffa era in agguato: ed ora Dionigi farà meglio a guardarsi le spalle.

Leggi anche: Consigli scommesse Champions League: partite 6 e 7 dicembre

Taranto-Benevento 1-1

Marcatori: 56’ Di Deo; 91’ Siniscalchi

Taranto: Bremec; Cutrupi, Coly, Di Bari; Antonazzo, Di Deo (89’ Pensalfini), Sciaudone, Rizzi; Rantier (68’ Bradaschia), Girardi (76’ Giorgino), Alessandro. (Faraon; Prosperi, Garufo, Mendicino). All.: D. Dionigi (squalificato: in panchina L. Sibilano).

Benevento: Gori; D’Anna, Rinaldi, Siniscalchi, Frascatore; La Camera (68’ Sy), Rajcic, De Vezze (72’ Luisi); Cia (64’ Carretta), Altinier, Pintori. (Mancinelli, M. Anaclerio, Signorini, Kanoute). All.ri: C. Imbriani – J. Martinez.


Arbitro: Rocca (Vibo Valentia)

Ammoniti: Di Deo, Frascatore, Alessandro e Luisi.

Leggi anche

sbaglia-davanti-alla-porta
Calcio

Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre

Trovarsi a pochi centimetri dalla linea di porta, e sbagliare clamorosamente il gol. E' accaduto in Serbia, nel corso di un match del campionato regionale di Belgrado caratterizzato da un colpo di scena 'in negativo'. Tutto a causa di un assurdo errore di un giocatore, con indosso la maglia numero 15, che ha trovato un varco sfruttando una svista della difesa ma che a sua volta ha commesso uno di quegli errori che certamente non dimenticherà mai. Dopo aver rubato il pallone sfuggito ad un avversario, il giocatore prima ha stupito tutti con un tunnel al portiere, spingendosi poi sotto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*