Priscilla, la regina del musical al teatro Brancaccio COMMENTA  

Priscilla, la regina del musical al teatro Brancaccio COMMENTA  

Priscilla, la regina del musical al teatro Brancaccio
Priscilla, la regina del musical al teatro Brancaccio

“Priscilla, la regina del deserto”, il musical più amato in scena a Roma fino al primo novembre.

Un’avventura “on the road” per la regia di Simon Phillips.

Priscilla, la regina del deserto”, firmato dal regista Simon Phillips, è la regina indiscussa dei musical, uno degli spettacoli più amati in tutto il mondo dal suo debutto a Sidney nel 2006, e fino al primo novembre farà tappa al Teatro Brancaccio, nel cuore della Capitale. Senza dubbio sarà uno dei successi della stagione in corso, grazie ad una sceneggiatura brillante e ad una sincera riflessione sull’importanza della famiglia, la tolleranza e l’accettazione. Uno spettacolo coinvolgente in cui si intrecciano esperienze esilaranti e dialoghi emozionanti che arrivano dritti al cuore, mantenendo uno stile non convenzionale e sempre geniale.


Tratto dal pluripremiato film australiano “The adventures of Priscilla, Queen of the Desert” diretto da Stephan Elliott, il musical racconta la storia di Bernadette, Mitzi e Felicia -nomi d’arte di Ralph, Anthony ed Adam-, una transessuale e due drag queen che dopo la morte del compagno di Bernadette decidono di lasciare i problemi della loro vita a Sidney e portare il loro spettacolo nei particolari palcoscenici dell’outback australiano. Un viaggio quasi iniziatico a bordo di un vecchio torpedone che battezzano “Priscilla, la regina del deserto”, attraverso lo sconfinato entroterra del Paese alla ricerca di amicizia e amore, grazie al quale questi tre eccentrici ed incantevoli artisti finiranno per trovare più di quanto avessero mai immaginato: se stessi.


Priscilla, la regina del deserto” porta in scena una varietà di oltre 500 spettacolari costumi -non a caso il film vinse i premi Oscar e BAFTA 1995 ai migliori costumi- che fanno di ogni singola scena una sorte di “gran finale”. Un’avventura travolgente nel più puro stile “on the road” accompagnata da una colonna sonora di 25 brani intramontabili, riconoscibili dalle prime note, da “I will survive” di Gloria Gaynor alla “Material Girl” di Madonna, passando per “Finally” di Ce Ce Peniston e “It’s raining men” delle Weather Girls.

Benvenuti ad Alice Springs… dopo questo viaggio niente sarà come prima!

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*