Processo allo skipper di Cammarata, ecco la prima udienza

News

Processo allo skipper di Cammarata, ecco la prima udienza

Ascolta e scarica questo post

Fortunatamente le elezioni eviteranno lo scandalo di un sindaco dimissionario a causa di un arresto, ma la vicenda resa nota dal tam tam generato da Striscia La Notizia e dal lavoro di Maria Letizia Affronti, pubblicista che racconta agli inquirenti come

dopo l’indicazione di una fonte, iniziammo le trattative per l’affitto della barca. asfMi finsi segretaria di un uomo d’affari. Alioto ci disse che l’affitto sarebbe stato in nero e che non dovevamo preoccuparci per la mancanza di documenti: “Se vi dovessero fermare – aggiunse Alioto – dite che siete amici del sindaco. Dopo aver pagato una caparra di 300 euro, Alioto mi disse che stava preparando il pranzo per il sindaco, a base di pesce. Cammarata arrivò poco dopo, con la scorta. L’11 giugno andai per concludere il pagamento, ma presi tempo, fingendo che il mio capo fosse impegnato in una riunione. Quando tornai, Alioto mi disse che la barca non era più in affitto

Peccato che Francesco Alioto fosse a busta paga dell’agenzia comunale Gesip, pagato per pulire la città ed in realtà tenuto dal sindaco Diego Cammarata su Molla 2, la barca personale intestata ai figli. Dopo la prima soffiata i carabinieri hanno cercato il foglio presenze di Alioto nell’agenzia. Stranamente, il foglio era gestito dallo stesso Alioto che messo alle strette ha dovuto consegnare tre anni di fogli presenze vuoti o firmati mentre era a fare lo skipper per conto di Cammarata. Il pubblico ministero Laura Vaccaro parla in aula anche delle indagini svolte durante alcune trasferte alle Eolie, con numerosi riscontri e testimonianze sulla presenza di Alioto in compagnia di Cammarata nelle vesti di skipper.


La difesa di Cammarata, rappresentata dall’avvocato Giovanni Rizzuti, nega qualsiasi responsabilità del sindaco.

Non ho mai in alcun modo contribuito a distrarre il signor Alioto dalle sue attività lavorative in Gesip per fini personali. Le assenze che gli vengono contestate nulla hanno a che vedere con le prestazioni occasionali richieste nella barca che appartiene alla mia famiglia. Prestazioni che gli sono state, peraltro, sempre pagate regolarmente.

La prossima udienza è prevista per il 6 febbraio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Francesco Quartararo 665 Articoli
Dottore in Giornalismo per uffici stampa, blogger dal 2005, a breve giornalista pubblicista, si interessa di tutto. Ma anche di più. Lo trovate sempre in giro per Palermo.