Procreazione assistita: domani la consulta e intanto volano le polemiche

Salute

Procreazione assistita: domani la consulta e intanto volano le polemiche

Domani mattina la Consulta si riunisce per decidere la legittimità di quella parte della legge 40 (procreazione medicamente assistita) dove si stabilisce che nei centri pubblici e privati del Paese non è possibile sottoporsi a trattamenti con uso di gameti, cioè ovociti o spermatozoi, appartenenti a estranei. I giudici intervengono dopo che tre diverse ordinanze di tribunali, Firenze, Catania e Milano, nel rispondere al ricorso di altrettante coppie, avevano sollevato il dubbio di costituzionalità di questa norma. Fioccano le polemiche. In primis spicca l’’editoriale di Avvenire, firmato da Assuntina Morresi, la consulente dell’ex sottosegretario alla Salute del governo Berlusconi, Eugenia Roccella. Lei sostiene il ritorno al «far west», ad una realtà precedente la legge 40 del 2004, quando tutto era possibile, sia pur entro i confini indicati da codice deontologico dei medici e autodiscipline dei centri. Secondo i dati dell’Osservatorio sul turismo procreativo sono stati almeno 4mila nel 2011 gli aspiranti genitori espatriati.

Il 50% proprio per avere un figlio servendosi di gameti non propri. Purtroppo la scelta ricade molto spesso su cliniche low cost. Il ginecologo di Tecnobios Andrea Borini ha scritto una lettera al presidente della Repubblica per segnalare l’esodo. Il termine eterologa è improprio. Viene comunemente usato per indicare trattamenti con cellule procreative cosiddette donate ma che di solidaristico non hanno niente visto che il presunto benefattore si fa remunerare e le coppie riceventi pagano care. L’eterologa è l’ultimo baluardo della legge, smantellata. L’impianto originario prevedeva no alla fecondazione di più di tre ovociti contemporaneamente e obbligo di trasferirli tutti insieme. No a congelamento e diagnosi pre-impianto, necessaria per accertare se genitori portatori di malattie genetiche le trasmettono all’embrione. Tutti gli altolà sono caduti all’improvviso grazie alle ultime sentenze dei tribunali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

follicolite
Wellness

Follicolite e peli pubici

22 settembre 2017 di Notizie

La follicolite è un’infezione dei follicoli piliferi spesso dovuta a una depilazione poco delicata, che causa prurito e bruciore. Scopriamone cause e rimedi e vediamo come evitarla.

Chiara Cichero 1240 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.