Prolattina alta, sintomi e valori COMMENTA  

Prolattina alta, sintomi e valori COMMENTA  

La prolattina è un ormone prodotti dall’ipofisi, la cui funzione principale è quella di stimolare la produzione del latte dopo il parto. Normalmente è presente in piccole quantità nel sangue ed è tenuta sotto controllo da un altro ormone, la dopamina, che ne inibisce la produzione. In gravidanza perciò è normale che il suo valore si alzi, ma se si ha una prolattina alta senza essere incinte, può essere spia di qualche disturbo. Ma quali sono i sintomi e i valori che indicano una prolattina alta? Vediamoli insieme.

Leggi anche: Voli a lungo raggio: come evitare il gonfiore di piedi e caviglie


I sintomi che indicano una prolattina alta sono:

  • Oligomenorrea e amenorrea (ovvero ciclo mestruale scarso o assente)
  • Secrezione di latte dalle mammelle e crescita anomala del seno negli uomini
  • Infertilità e tendenza all’aborto spontaneo
  • Gonfiore e tensione del seno
  • Cisti ovariche
  • Cefalea ricorrente
  • Tendenza a ingrassare o obesità
  • Calo del desiderio sessuale, impotenza e frigidità

I valori normali della prolattina sono: nelle donne 2-29 ng/ml, nelle donne in gravidanza 10-209 ng/ml (terzo trimestre) e negli uomini: 2-18 ng/ml.

Leggi anche: Medicine per la candida

Un alterazione significativa di questi valori meritano una particolare attenzione da parte del vostro medico.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*