Promozioni facili al Comune di Catania: la Procura chiude l’inchiesta

Catania

Promozioni facili al Comune di Catania: la Procura chiude l’inchiesta

CATANIA – Chiusa l’inchiesta della Procura di Catania per abuso d’ufficio sulla gestione del personale al Comune. Indagati alcuni dirigenti comunali, l’ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini, e l’allora suo vice, il presidente della Regione Raffaele Lombardo e componenti di diverse giunte di centrodestra. L’inchiesta riguarda il piano triennale 2002-2004 che includeva procedure di progressione verticale riservate a 1.800 dipendenti dell’ente.


Stando ai magistrati: “Mancavano le esigenze di funzionalità e la copertura finanziaria procurando un danno patrimoniale iniziale di 18 milioni di euro.” Si indaga anche su una serie di delibere di altre giunte Scapagnini: l’assunzione di 12 operatori ambientali (nel 2007), l’assunzione di 288 lavoratori Asu (2004-2007) e 34 ex dipendenti Agrofil, Itel e Cogei (2005), l’aumento da 18 a 24 ore settimanali nel contratto a 200 lavoratori Puc (2006), il rinnovo del contratto a 196 precari (2007) e l’assunzione di 8 lavoratori Puc a tempo indeterminato part-time (2008).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...