Proposte…”indecenti” COMMENTA  

Proposte…”indecenti” COMMENTA  

Tra la “festività di San Giuseppe” e il “riconoscimento per gli equini come animali di affezione”: ecco alcune proposte dei neo deputati appena eletti.

 

Assurdità come il riproponimento del “Principato di Salerno” e la “giornata nazionale dell’inno d’Italia”

 

Il Governo deve ancora prendere forma, annientando le indecisioni quasi ovvie di un conflitto intestino tra “buoni e cattivi“, e già ci troviamo con dei nuovi parlamentari in piena frenesia innovativa, o quasi. Dalla settimana scorsa i neo deputati non hanno perso tempo e si sono subito messi al lavoro con proposte serie, concrete, ma soprattutto utili per il nostro Paese fatto a brandelli da una crisi senza precedenti. Sono 55o i progetti proposti come salvacrisi. Non saranno sicuramente i tagli alla lussuosa politica a fare da padrone, nemmeno i temi legati al sociale a fremere tra i banchi del Governo, ma cose ben più serie come per esempio: l’istituzione dell’ormai famigerato “Principato di Salerno“, sino ad arrivare ai cavalli (non quelli fiscali di potenti SUV, ma quelli reali) e al loro riconoscimento come “animali di affezione“. C’è la non remota possibilità però che saranno gli equini stessi a non volersi affezionare a loro. Proposte, queste, che riemergono come un cadevere: putrescenti, vecchie e ormai prive di linfa.

Leggi anche: Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’


In questo teatro dell’assurdo d’impronta Adamoviana non trovano spazio solo strampalate richieste -non oso criticare queste proposte utilissime, sia ben inteso-, ma ci sono anche altri parlamentari che propongono cose ben più importanti, mirate alla gravità della crisi finanziaria come per esempio il senatore Domenico Scilipoti del PdL che (con ddl n. 174) chiede al Parlamento: “le disposizioni per il ripristino della sovranità monetaria dello Stato italiano nel rispetto dei trattati internazionali“. <<Non male direi!>>.  Alla camera, invece, Edmondo Cirielli di FdI (Fratelli d’Italia) ha chiesto (con ddl n. 33) “la modifica dell’articolo 131 della Costituzione, concernente l’istituzione del Principato di Salerno“. <<Questi sono temi veramente importanti, da non sottovalutare, poiché non è giusto che solo Seborga abbia un Principato>>.

Leggi anche: Vincita record di 43 milioni alle slot, il casinò non paga. Ecco il motivo


Anche Michela Vittoria Brambilla, del PdL,  scalpita -rispettabile la sua proposta perché rispettosa degli animali-, chiedendo (con il ddl n. 323) “Il riconoscimento degli equini quali animali di affezione“, agganciandone immediatamente un’altro (la n. 307) per l’istituzione di un “Ufficio Garante per i diritti degli animali“. <<Era ora e ci fa piacere apprendere che qualcuno pensi ai meno difesi, anche se in questo periodo si parla molto di animali e poco di bambini: soprattutto quelli rovinati o sfruttati per mano dell’uomo>>. Ci sono anche richieste per il divertimento, che in questo periodo di crisi sicuramente aiuterebbero a distrarci un po’ dissolvendo i pensieri su come arrivare alla fine del mese pagando mutui o spese vive. Una tra queste è di Luigi Dellai, del PD, che (con il ddl n. 296) chiede una casa da gioco a Chianciano Terme, senza dimenticare la valorizzazione e la salvaguardia della via Francigena” (ddl n. 294). <<La via Francigena? Non sarebbe meglio valorizzare la Salerno Reggio Calabria o il pezzo di strada, ormai mitologico, che c’è tra Ronco Bilaccio e Barberino di Mugello?>>

Prende voce anche la Lega Nord con Matteo Brigantini il quale chiede (con il ddl n 218) “le disposizioni per la celebrazione del festival lirico dell’Arena di Verona” e prontamente gli fa eco Giovanni Burtone del Pd con (il ddl n.198) “l’attribuzione della denominazione di ‘Città nazionale del presepe’ al Comune di Grassano”. <<Il presepe è importante in questo periodo di invasioni e fa parte della nostra identità cattolica ma per l’albero, nessuno ci pensa? >>. Questa proposta solletica le altre festività religiose, come fosse il gioco ‘dello schiaffo del soldato’, ed ecco che l’Altoatesina Renate Gebhard, del Svp, (Südtiroler Volkspartei) non perde tempo e chiede a gran voce (con il ddl n. 58) di ripristinare “la festività di San Giuseppe nella data del 19 marzo”. Pino Pisicchio di Centro Democratico, invece, spera in una giornata sulrifiuto della povertà” (ddl n.197), mentre al Senato (con il ddl n. 80) Roberta Pinotti del PD, vorrebbe una “giornata nazionale dell’Inno d’Italia”. <<Sarebbe bello se tutti quanti in ogni luogo di lavoro, e non, per tutto il giorno inneggiassimo il coro della nostra nazione: magari tenendoci sottobraccio con qualche fiasco di vino made in China>>.


Anche l’onorevole Paola Binetti dell’ UdC propone un’importantissima, quanto mai utile “disposizioni per la valorizzazione delle tifoserie e la partecipazione delle famiglie alle manifestazioni sportive nel calcio“. All’assurdo non c’è mai fine ed ecco che il senatore Sergio Divina, Lega Nord, (con il ddl n. 144) chiede se fosse possibile istiuire delle norme per la “tutela delle televisioni di strada”, <<Cioè… [?] …>>. Aspettando di vedere come e quando il nostro Stato venga governato, i neo eletti probabilmente hanno già capito con quali mezzi aiutare il nostro Paese con proposte serie, utili e accettabili. Attenderemo altre proposte altrettanto utili quali: il ripristino dell’impennata con lo scooter, il passaggio dal vinile ai CD delle canzoni di Pupo e un referendum per stabilire se sulla pasta all’ Amatriciana ci voglia l’aglio oppure no; tralasciando frivolezze come la sanità, l’istruzione, le pensioni, la sicurezza, la cultura e le tasse a politici meno esperti.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

stefano-cucchi
Cronaca

Ilaria Cucchi pubblica la foto di Natale di Stefano, ‘avrai giustizia’

Ha postato una foto natalizia. Ma non è certo uno scatto che porta a sorridere, quello pubblicato poco fa su Facebook da Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, morto il 22 ottobre 2009 durante la custodia cautelare. Da quel giorno Ilaria e la famiglia sono coinvolti in uno dei casi di cronaca giudiziaria più complessi ed intricati degli ultimi anni poichè coinvolge anche agenti di polizia penitenziaria, oltre ad alcuni carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli. La foto mostra un sorridente Stefano con indosso un cappello da Babbo Natale, appoggiato al tavolo di fronte all'albero di Natale; nel messaggio Leggi tutto

1 Commento su Proposte…”indecenti”

  1. complimenti per l articolo tutte informazioni sconosciute a noi poveri normali . questo carrozzone ormai è diventata una carovana…..ma quante proposte interessanti!i credo che non ci dormono la notte per pensarle…ma delle volte mi domando riescono a pensare? oppure c'è qualcuno che pensa per loro? ci sara' nell'aria qualcosa che noi non respiriamo?…e questi politici li abbiamo votati noi…..allora ce lo meritiamo tutto questo caos….:(

3 Trackback & Pingback

  1. Proposte ‘indecenti’ | Barberino di Mugello
  2. Il M5S propone tagli di 42 milioni l'anno per la Camera - Pagina 9
  3. Anonimo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*