Prorogata la mostra su Federico Eusebio al Museo di Alba COMMENTA  

Prorogata la mostra su Federico Eusebio al Museo di Alba COMMENTA  

mostra museo eusebio alba 2L’apertura della mostra “Diario della città sepolta. Federico Eusebio e i protagonisti dell’archeologia albese” al Museo Civico Archeologico e di Scienze Naturali di Alba è stata prorogata fino al 9 marzo 2014.

Leggi anche: Roma: in occasione del Giubileo sospesa la circolazione di armi, munizioni ed esplosivi

Grazie all’impegno di Eusebio, il museo ospitato nel palazzo della Maddalena conserva oggi una delle più ricche collezioni permanenti di antichità del Piemonte, con le sue 21 sale e gli ampi depositi archeologici.

Leggi anche: Codacons: in arrivo una stangata da 30 milioni per le famiglie, con il caro-benzina

Nel centenario della morte, per la prima volta, verranno esposti materiali e reperti raccolti durante la sua meticolosa attività di ricerca, testimonianze della storia locale e oggetti che rappresentano il tipico collezionismo ottocentesco. Oltre all’archivio eusebiano, con nuovissimi inediti ritrovamenti e materiale già noto conservato nella biblioteca civica, i visitatori avranno una panoramica sui personaggi che ne hanno anticipato e proseguito l’opera: il conte Vernazza, Pinot Gallizio, Nino Lamboglia, il gruppo di volontari albese, fino all’intervento della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte che da più di 40 anni conduce indagini archeologiche nell’Albese.

Il Museo civico archeologico e di scienze naturali “Federico Eusebio”di Alba resterà chiuso per le festività natalizie dal 23 dicembre 2013 al 31 gennaio 2014.

L'articolo prosegue subito dopo

Le visite guidate per gruppi possono essere concordate anche durante il periodo di chiusura, su prenotazione, contattando l’Associazione Ambiente & Cultura, www.ambientecultura.it.

Leggi anche

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste
Esteri

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste

 Tre donne: la presidente cinquantenne del consiglio comunale di Imatra, Tiina Wilén-Jappinen e due giornaliste, una trentenne l'altra sui cinquanta, sono state assassinate da un uomo. Tre donne  assassinate da un uomo solo, il 23enne Jori Lasonen, proprio all'entrata di un ristorante nel quartiere della vita notturna della cittadina meridionale di 28mila abitanti a circa 230 chilometri dalla capitale Helsinki e non lontano dal confine russo. L'uomo è un pregiudicato che nel 2013 aveva già aggredito con un pugnale alcuni passanti, uomo che è stato arrestato ed è adesso sottoposto a stringenti interrogatori. Afferma però  la portavoce della polizia, la Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*