Protocollo di Kyoto, che cos’è e quali sono i paesi aderenti COMMENTA  

Protocollo di Kyoto, che cos’è e quali sono i paesi aderenti COMMENTA  

Protocollo di Kyoto, che cos'è e quali sono i paesi aderenti

Protocollo di Kyoto, che cosIl Protocollo di Kyoto è un trattato sottoscritto nella città giapponese l’11 dicembre 1997 che riguarda l’ambiente e il riscaldamento globale dell’atmosfera. Il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore il 16 febbraio 2005, dopo l’adesione della Russia ed è stato sottoscritto da più di 180 nazioni. La validità del Protocollo di Kyoto è stata estesa fino al 2020 e prevede la limitazione di elementi inquinanti che concorrano a formare l’effetto serra.

Leggi anche: Febbraio 2016, il più caldo di sempre: l’allarme dei climatologi

L’Unione Europea è la principale sostenitrice del Protocollo di Kyoto e tra i paesi non aderenti ci sono gli Stati Uniti, responsabili di oltre il 36% dell’emissioni di gas serra nell’atmosfera. I paesi aderenti al Protocollo di Kyoto sono 186.


Figi, Antigua e Barbuda, Tuvalu, Maldive, Turkmenistan, Trinidad e Tobago, Panamá, Bahamas, Georgia, Micronesia, Giamaica, Cipro, Paraguay, Guatemala, Uzbekistan, Nicaragua, Bolivia, Palau, Mongolia, Ecuador, El Salvador, Honduras, Barbados, Guinea Equatoriale, Lesotho, Guinea, Kiribati, Messico, Azerbaigian, Samoa, Uruguay, Romania, Mauritius, Gambia, Vanuatu, Senegal, Nauru, Argentina, Burundi, Bangladesh, Malawi, Malta, Repubblica Ceca, Colombia, Marocco, Repubblica Dominicana, Benin, Gibuti, Uganda, Mali, Papua Nuova Guinea, Cuba, Isole Cook, Niue, Islanda, Norvegia, UE, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito, Slovacchia, Giappone, Lettonia, Seychelles, Sudafrica, Slovenia, Grenada, Costa Rica, Bulgaria, Ungheria, Cambogia, Brasile, Bhutan, Cile, India, Tanzania, Camerun, Thailandia, Cina, Sri Lanka, Malesia, Perù, Vietnam, Estonia, Liberia, Corea del Sud, Polonia, Canada, Nuova Zelanda, Lituania, Giordania, Tunisia, Laos, Isole Salomone, Moldavia, Armenia, Kirghizistan, Ghana, Svizzera, Guyana, Botswana, Isole Marshall, Birmania, Santa Lucia, Namibia, Madagascar, Belize, Filippine, Israele, Ucraina, Togo, Ruanda, Yemen, Niger, Sudan, Russia, Macedonia, Indonesia, Liechtenstein, Nigeria, Pakistan, Qatar, Egitto, Mozambico, Oman, Dominica, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Algeria, Venezuela, Kenya, Kuwait, Repubblica Democratica del Congo, Burkina Faso, Albania, Etiopia, Corea del Nord, Haiti, Mauritania, Eritrea, Iran, Bielorussia, Nepal, Guinea-Bissau, Swaziland, Siria, Bahrein, Capo Verde, Monaco, Singapore, Zambia, Libia, Suriname, Sierra Leone, Libano, Gabon, Repubblica del Congo, Bosnia ed Erzegovina, Costa d’Avorio, Croazia, Angola, Montenegro, Serbia, Australia, Tonga, Repubblica Centrafricana, Saint Kitts e Nevis, Comore, São Tomé e Príncipe, Timor Est, Tagikistan, Turchia, Kazakistan, Zimbabwe.

Leggi anche

incendio-usa
Esteri

Incendio durante rave party in Usa, oltre 30 morti

Un violentissimo incendio è divampato durante un rave party in un capannone nella città californiana di Oakland, Usa. Mentre era in corso la festa le fiamme hanno rapidamente avvolto la struttura provocando la morte di molte persone,  quelle accertate ma con tutta probabilità oltre 30, forse 40, secondo fonti della polizia che ha affermato, 'siamo pronti al terribile scenario di una strage'. Inoltre sono state avviate le indagini per incendio doloso, anche se al momento rimangono aperte tutte le piste, compresa quella dell'incidente e non vi sono indagati certi. Sembra inoltre che nell'edificio non vi fosse alcun impianto antincendio. Quando Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*