Prove allergiche per la casa sono un pericolo per i bambini e uno spreco di soldi, dicono i medici COMMENTA  

Prove allergiche per la casa sono un pericolo per i bambini e uno spreco di soldi, dicono i medici COMMENTA  

I genitori stanno sprecando soldi e rischiando la salute dei propri figli con l’acquisto di prove allergiche fai da te, avvertono gli esperti.
Non vi è alcuna base scientifica per tali test alternativi, che può ritardare la diagnosi corretta e può portare alla malnutrizione nei bambini erroneamente immessi in diete restrittive, si sostiene.

I genitori disperati sono spesso costretti a cercare metodi alternativi di sperimentazione complementare, di conseguenza, ha detto il dottor Adam Fox, un consulente in allergia pediatrica Guy e St Thomas ‘Hospital di Londra.

Il Dr Fox, che ha lavorato sugli orientamenti, ha detto in uno studio nel 2006, di aver rilevato che il 40 per cento delle famiglie in ambulatori specialistici aveva usato prove allergiche alternativi.

Il dottor Fox ha dichiarato: ‘Molti genitori si rivolgono spesso a metodi alternativi per aiutare la diagnosi del loro bambino, ma non vi è base di poche prove per questi approcci.

L'articolo prosegue subito dopo

‘I genitori spesso finiscono per mettere i propri figli a diete di restrizione molto estese in seguito alla diagnosi inesatta, che può lasciarli senza alimenti, così come sprecare tempo e denaro.’
Le linee guida emanate dall’Istituto Nazionale per la Salute e l’Eccellenza Clinica mettono in guardia contro l’uso del test di Vega, kinesiologia e l’analisi dei capelli. Il
Il dottor Fox ha detto che il test cutaneo e il test IgE del sangue sulle NHS non sono stati clinicamente dimostrati, e non devono essere confusi con una certa intolleranza alimentare IgG.
Il dottor Fox ha detto che era chiaro perché le allergie sono in aumento. Uno su 20 bambini ha una allergia alimentare, con uno in 50 allergico a noci.
Il dottor Joanne Walsh, un medico che ha lavorato sulle linee guida, ha detto che tutti i bambini soffrono un po’ di vomito reflusso, coliche, ma ben uno su tre genitori discute di allergie nelle prime settimane di vita.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*