Provenzano: tentato suicidio, tentato omicidio o simulazione?

Cronaca

Provenzano: tentato suicidio, tentato omicidio o simulazione?

20120511-094727.jpg

Parma – C’è ancora molto da chiarire sul presunto tentativo di suicidio del boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano. L’uomo, detenuto in regime di 41 bis, è stato ritrovato l’altro ieri, con un sacchetto di plastica sulla testa. Il pronto intervento di una guardia penitenziaria gli ha salvato la vita. Rosalba Di Gregorio, legale di Provenzano, non crede al tentato suicidio e chiede che venga aperta un’inchiesta per fare luce sull’accaduto: “Che cosa ci faceva un sacchetto di plastica dentro la cella del mio assistito – si chiede il legale – e’ stato un tentativo di suicidio o qualcosa di diverso? Dobbiamo pensare che qualcuno lo voleva eliminare?”. “Appena pochi giorni fa gli psichiatri della perizia hanno ritenuto che Provenzano fosse compatibile con la detenzione e i risultati si vedono”. Per la polizia penitenziaria, invece, il si tratta di un tentativo di suicidio simulato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche