Sparatoria durante una festa: un morto e due feriti

proyecto xxx
Sparatoria durante una festa: un morto e due feriti

Un ragazzo di 20 anni è rimasto ucciso durante una rissa scoppiata nel bel mezzo di una festa chiamata Proyecto XXX e organizzata per l’arrivo della primavera.

Buenos Aires – Nelle intenzioni degli organizzatori, tutti ragazzi poco più che diciottenni, doveva essere una festa all’insegna del divertimento per dare il benvenuto alla primavera. Il messaggio che accompagnava l’invito era chiaro “niente abbigliamento sportivo, niente armi niente problemi”.

Leggi anche: Redentore: in 100mila nella notte veneziana


Già di per sé la richiesta di non portare armi dovrebbe far scattare un campanello di allarme. La festa, ribattezzata “Proyecto XXX”, si è tenuta lo scorso 20 settembre, a Moreno, in località Villa Trujui (Buenos Aires).

Alla festa si sono presentate circa 200 persone, più del doppio di quelle previste dagli organizzatori, complice il tam tam su Facebook. I vicini hanno raccontato che fin dal tardo pomeriggio si erano radunati diversi ragazzi che avevano iniziato a bere. Le bevande, per lo più alcolici, dovevano essere portate dai partecipati perché non era previsto un servizio bar né si pagava l’entrata.

Leggi anche: Bullismo, alla Mostra del Cinema di Venezia arriva un film girato a Milano


La festa procedeva senza intoppi ma poco dopo le due di notte, si sono fronteggiati due gruppi di ragazzi, qualcuno ha aperto il fuoco e c’è stato un fuggi fuggi generale. Non ci sono riscontri ma qualcuno su Twitter ha avvisa che era noto la festa sarebbe stata una trappola e che ci sarebbe stato un agguato.


Diverse persone che avrebbero successivamente partecipato alla festa “Proyecto XXX” hanno diffuso minacce tramite i social network pubblicando foto di armi. Evidentemente molto più di un avvertimento.

L'articolo prosegue subito dopo


Nicolas Matias Rivero, 20 anni, è morto per un colpo d’arma da fuoco. Un proiettile l’ha centrato al torace. Il ragazzo è morto poco dopo il ricovero in ospedale, ma non stato ferito all’’interno del luogo dove si stava svolgendo il Proyecto XXX, bensì a un paio di centinaia di metri di distanza.

La vittima, raccontano alcuni testimoni che si trovavano con lui, era scappata appena si è scatenata la rissa. Altre due persone, un giovane di 18 anni e un altro di 19, hanno riportato ferite da armi da taglio.

Sul luogo sono intervenute cinque ambulanza e diversi agenti di polizia che hanno dovuto usare pallottole di gomma contro diverse persone che continuavano a battagliare tra loro.

Leggi anche

veronica panarello
News

Veronica Panarello su morte Loris: è stato il nonno ad ucciderlo

Ennesima deposizione di Veronica Panarello: è stato il suocero a uccidere il piccolo Loris. La giovane si è recata in tribunale spontaneamente. Veronica Panarello si è recata nel tribunale di Ragusa e ha rilasciato altre confessioni spontanee. La donna ha accusato il suocero, Andrea Stival, di aver soffocato Loris. Ha confessato di aver avuto una relazione con il suocero e proprio questo è legato ai motivi dell'uccisione del figlio. Infatti il piccolo Loris avrebbe visto la mamma e il nonno insieme e avrebbe voluto confessare tutto al papà. Quella mattina in cui non è andato a scuola, facendo i capricci [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*