Pubblica la bozza dell’Enciclica: giornalista punito COMMENTA  

Pubblica la bozza dell’Enciclica: giornalista punito COMMENTA  

La pubblicazione della bozza della prima Enciclica di Papa Francesco sul sito dell’Espresso qualche giorno fa ha avviato uno strascico di polemiche, ma, con ieri, ha prodotto una vera e propria punizione.


Destinatario è il giornalista del settimanale, Sandro Magister, che si è visto ritirare l’accredito presso la sala stampa del Vaticano, con tanto di comunicazione scritta a firma del portavoce padre Federico Lombardi.


“Egregio dottor Magister, la pubblicazione da lei compiuta di una bozza dell’enciclica di cui era stato dichiarato l’embargo rappresenta evidentemente una iniziativa scorretta, fonte di forte disagio per moltissimi colleghi giornalisti e di grave turbamento del buon servizio di questa sala stampa.

Le comunico che perciò il suo accredito presso la nostra sala stampa è sospeso da domani a tempo indeterminato. Mi dispiace molto, suo Federico Lombardi”.

L'articolo prosegue subito dopo


Nel mondo dei giornalisti, però, serpeggia il malcontento, perché Magister ha pubblicato un documento che gli sarebbe stato fornito da fonti non ufficiali, e sarebbero semmai queste ultime ad aver violato l’embargo, mentre L’Espresso avrebbe dato solo seguito al diritto di informazione.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*