Pubblica la foto del piede della sua bambina: scopre la sindrome del laccio da peli

Pubblica la foto del piede della sua bambina: scopre la sindrome del laccio da peli

Un padre statunitense, Scott Walker, ha pubblicato su internet una foto del piede della sua bambina, per rendere partecipi tutti i genitori di una grave malattia, che potrebbe verificarsi anche ai loro figli.

Leggi anche: Bimba teme i mostri, ecco l’idea geniale del suo papà

Scott e sua moglie Jessica hanno messo al mondo la piccola Molly, nata prematura di due settimane. Un giorno, la piccola si stava agitando e, togliendole un calzino, il papà e la mamma hanno notato un capello dalle sembianze di un laccio emostatico che aveva avvolto e “tagliato” un dito del piedino, bloccando la circolazione e facendo gonfiare l’arto.

Leggi anche: Neonata colpita da herpes, rischia la morte

In alcuni casi si possono verificare gravi complicazioni che prevedono l’amputazione dell’arto in questione. Ora la bambina sta bene. Scott e Jessica hanno voluto condividere la loro brutta esperienza, incoraggiano gli altri genitori a controllare sempre le dita dei piedi dei loro figli.

Leggi anche: La bambina bionica: non sente fame, dolore e stanchezza

Le foto del piedino della piccola hanno fatto da subito il giro del mondo.

Leggi anche

imbarchi-aereo
Attualità

La mia grappa è una ‘bomba’, scattano misure anti terrorismo

A volte i malintesi possono generare il caos. Come accaduto poco prima della partenza, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, di un volo Air Canada per il quale è scattato il protocollo anti terrorismo dopo le parole di uno dei passeggeri. In fase di imbarco infatti un passeggero italo-canadese di origini trevigiane, ha pronunciato le parole sbagliate nel momento sbagliato. "Questa grappa è una bomba", avrebbe detto alla compagna poco prima di salire sull'aereo; un altro passeggero poco distante ha udito tutto e preoccupato ha avvisato il comandante di quanto udito pochi minuti prima; tanto è bastato per generare preoccupazione e [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*