Pubblico impiego: USB al ministero

Roma

Pubblico impiego: USB al ministero

ROMA – C’è stato un primo incontro ieri al Ministero della Funzione Pubblica per gettare le premesse agli imminenti tavoli tecnici sul Pubblico Impiego con le organizzazioni sindacali.

La delegazione ministeriale ha incentrato il suo intervento sulla un calendarizzazione degli incontri, cercando così di evitare ogni discussione in merito ai risultati della famigerata Brunetta e agli effetti devastanti delle politiche economiche messe in piedi dal Governo.

USB Pubblico Impiego ha premesso che nessun confronto tecnico potrà avere senso se non verrà preceduto da alcuni segnali politici chiari ed inequivocabili. In primo luogo in merito agli esuberi nel settore, determinati dal taglio delle dotazioni organiche disposto dalle manovre estive. USB, tra l’altro, ha ribadito che nessun lavoratore o lavoratrice dovrà essere considerato in esubero, messo in mobilità, licenziato o trasferito contro la propria volontà. Su questo punto la delegazione ministeriale si è impegnata ad avviare sin dai prossimi giorni una ricognizione in tutte le amministrazioni.

In secondo luogo USB Pubblico Impiego ha evidenziato la necessità di cancellare la riforma Brunetta, dimostratasi inapplicabile ed estremamente dannosa per tutta la Pubblica Amministrazione.

Il terzo atto di concretezza politica che USB ha chiesto al Governo è la riapertura dei contratti pubblici, partendo ovviamente dallo stanziamento di adeguate risorse da destinare sia alla contrattazione collettiva sia a quella integrativa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche