Come pulire il parquet di casa: i migliori prodotti - Notizie.it

Come pulire il parquet di casa: i migliori prodotti

Casa

Come pulire il parquet di casa: i migliori prodotti

Le pulizie sono noiose, ma come direbbe qualcuno: sà da fare! Per il parquet però devono essere scelti i prodotti giusti che non lo rovinino. 

Cenerentola ne era consapevole, fare le faccende di casa è una faticaccia. E lei almeno aveva la fata madrina pronta ad aiutarla per qualsiasi necessità, noi invece dobbiamo adattarci e per questo è importante utilizzare i prodotti giusti. La scelta iniziale potrebbe influenzare tutta la nostra storia da donne/uomini di casa donandoci fiducia nelle nostre possibilità oppure demoralizzandoci.

Purtroppo è semplice sbagliare combinando disastri e quando il danno è fatto è quasi sempre troppo tardi per rimediare, ve lo dice una persona che ha scolorito almeno due paia di scarpe con la candeggina. (per non parlare delle lavatrici sbagliate, ma qui entriamo decisamente in un altro campo.)

State perdendo velocemente fiducia in tutto quello che leggerete d’ora in poi? Non preoccupatevi, negli anni sono migliorata e quegli errori erano state mere disattenzioni oppure ignoranza in materia. Non tutti appunto nasciamo “imparati” come Cenerentola che le bastava far svolazzare il lenzuolo per ritrovarsi un letto pronto e perfettamente ordinato.

Sinceramente, chi mai oltre lei ci è riuscito.

Naturalmente esistono diverse livelli di difficoltà e competenza nell’ambito della pulizia. Il parquet sicuramente è un terreno pericoloso che va affrontato con cautela per non ritrovarsi con un pavimento che vi ricordavate lucido e adesso lo specchiarvici dentro è l’ultimo dei vostri problemi. Non è poi così complicato, molti lo consigliano proprio per la sua comodità, ma bisogna comunque avere un occhio di riguardo per i prodotti da applicare, se non vogliamo trovarci con un pavimento tutto rigato. Prima di procedere però partiamo con la scheda del nostro amico parquet.

Storia

“Alla corte del Re di Francia” potrebbe essere la colonna sonora per questo speciale pavimento perché è proprio lì che ha avuto la sua epifania. Decorava gli spazi dedicati ai convegni della corte di Luigi XIV e deriva dal termine francese “parc”, ovvero parco e quindi “parquet”. Diciamo che sicuramente ha un’origine che non va sottovalutata, scorre della linfa reale nelle sue venature non dimentichiamocelo.

Nonostante il fatto che debba la sua fama a partire dal suo utilizzo nelle abitazioni dei nobili francesi il parquet ha origini più antiche.

Possiamo far risalire la sua nascita al 3000 a.C. (caspita, molto più antiche) in epoca egizia. Si narra che gli Egizi fossero soliti ad utilizzare tavole di legno come pavimenti per proteggersi dagli insetti e dalla polvere, ma non abbiamo dei reperti che possano testimoniarne l’effettiva esistenza. Invece sappiamo che i primi motivi geometrici e disegnati risalgano al Basso Medioevo, ma la data ufficiale del primo vero parquet viene fatta risalire al 1534, quando l’architetto Jules Menard realizzò un pavimento in legno appositamente per il re Francesco I.

Punti di forza

Il parquet dal ‘500 in poi ha avuto un’evoluzione influenzata sia dalle mode del momento per quanto riguarda l’aspetto esteriore (lucido, opaco, monocromatico, chiaro, scuro, …) sia dalle tecniche di lavorazione. Ad oggi viene molto utilizzato, oltre per la sua funzionalità, anche per le sue proprietà naturali che garantiscono isolamento dal freddo e anche acustico, affievolendo i rumori.

Ideale per gli appartamenti dove la seconda caratteristica è essenziale. Se trattato con gli strumenti giusti, anche facile da mantenere e pulire.

Ne esistono di diversi tipi, la prima divisione che possiamo attuare è di quelli non trattati e trattati. I primi sono più difficili da mantenere, in quanto più delicati e inclini ai graffi. Però, nulla è impossibile per noi veterani della pulizia.

Pulizia Parquet: strumenti

Iniziamo da un prodotto neutro che è un po’ un passepartout possiamo buttarci su un sapone naturale.

LIOS Soft Balm Aloe è un detergente naturale con estratti di aloe vera indicato per la pulizia di pavimenti in legno oliati (naturali, UV e uretanizzati). Oltre a detergere, il prodotto nutre il pavimento in legno grazie alla sua particolare formulazione contenente una parte di olio di trattamento. Con l’utilizzo costante di LIOS Soft Balm Aloe, si mantiene l’aspetto uniforme esaltando sempre la naturale bellezza del pavimento. La presenza di estratti di aloe garantisce un maggior nutrimento del pavimento e lascia nell’ambiente un profumo fresco e pulito.

  • Mocio spray

Super scontato (40%) il mocio spray della Vorfreude.

Grazie alla tecnologia spray è adatto per diversi tipi di pavimenti:cucina, legno duro, piastrelle, laminati, pavimenti in ceramica, vinile o cemento.

La superficie pulente da 42 cm per 14 cm è lavabile in lavatrice al 100% e riutilizzabile.

Incluso nel prezzo di vendita di 29 € anche un flacone da 700 ml. Si può applicare la tecnica di pulizia più incline ai nostri bisogni. Utilizzando solamente dell’acqua o con qualsiasi prodotto a propria scelta. Se vogliamo essere eco-friendly, è possibile pulire con limone e oli essenziali disciolti in acqua. Vorfreude inoltre vuole un cliente completamente soddisfatto e questo lo dimostra con la sua garanzia illimitata.

  • Riparazioni

Questo articolo non è arrivato in tempo? Avete già fatto dei disastri con il vostro amico parquet? C’è il se Picobello per le riparazioni fai da te.

Al prezzo di circa 50 € kit di riparazione per laminato, parquet, sughero, mobili e superfici/laccati. Adatto anche alla ceramica e ideale per fori, graffi, bolli e ammaccature. Diciamo che potrebbe essere il piano d’emergenza per un parquet trascurato. Sul sito della picobello poi potrete trovare anche dei video tutorial che spiegano come attuare alcune semplici riparazioni con il kit.

  • Pallina mop

Per una pulizia sicuramente originale.

La pallina mop pulisce il pavimento trattenendo la polvere nello speciale tessuto in poliestere, completamente sfoderabile e lavabile.

Funziona a batterie, non incluse e costa 3,91€. Certo per il prezzo si può provare, ma le recensioni non sono entusiasta. d0altronde dal diametro della pallina 10x10x10cm non possiamo aspettarci miracoli.

  • Stucco riempitivo

Sempre se il nostro parquet ha bisogno di interventi chirurgici esiste lo stucco riempitivo.

Privo di solventi garantisce una conservazione del legno senza scolorimento. E’ sovraverniciabile in particolare con vernici acriliche. Il prezzo è di 18,73 € perché è comunque un prodotto professionale.

Se vogliamo un prodotto simile, ma ad un prezzo più contenuto (soli 9,90€) c’è Bona Gap Master, un mastice senza silicone del colore dei vari legnami.Copertura: fino a 6 metri lineari per tubo (per fessure fino a 5 mm di profondità e 10 mm di larghezza). Tempo di asciugatura va dalle 18 alle 24 ore. Con puliuretano e acrilato, e’ privo di solventi e inodore. Compatibile con tutte le vernici di finitura.

  • Scopa

La Scopa Vileda 2in1 Parquet è ideale per pulire le superfici delicate come il parquet, grazie alle sue fibre extra sottili.

Il prodotto è dotato di tecnologia 2 in 1: le fibre marrone chiaro, extrasottili, delicate, piumate e molto dense, raccolgono lo sporco e la polvere più fine senza sollevarla mentre le fibre marrone scuro, non piumate e con minore densità, catturano peli e capelli e sono facili da pulire dopo l’uso.

Entrambe le fibre sono in PET riciclato.

  • Cera

Elemento essenziale per la protezione del parquet è anche una buona cerca che lo renda lucido e protetto.

La marca Konig offre un set completo di bastoncini di cera a meno di 20 € con disponibilità immediata.

Se prediligete la comodità però ci sono dei detergenti con cera incorporata che rendono la pulizia più veloce.

come la pellicola protettiva e lucidante per parquet.

  • Spazzola

Adatta per pavimenti in ceramica e parquet è la Dyson snodabila a 44 € (e 08 … notare l’importanza dei centesimi).

Adatta per tutti gli aspirapolvere Dyson. Ruota a 180° e grazie alle setole sottili in nylon pulisce negli spazi angusti, senza lasciare segni.Più di 250 commenti entusiasti. Tanti dichiarano di non poterne fare a meno, grazie alla sua comodità. Se possedete un’aspirapolvere Dyson allora è assolutamente consigliata.

E’ importante usare i giusti prodotti e avere le corrette cure per mantenere un buon prodotto nel tempo. Per garantire la piena lucentezza del prodotto bisognerebbe attuare una manutenzione giornaliera, ma dubito che oggi giorno si abbia il tempo di concentrarsi tutti i giorni sul proprio pavimento quindi ci accontenteremo di lavarlo ogni qualche settimana. Bisognerebbe effettuare Il lavaggio del parquet per mezzo di uno straccio morbido, umido ma ben strizzato (in modo che non lasci chiazze) e procedere con movimenti che seguano le venature del legno. All’acqua possiamo miscelare un prodotto specifico o un sapone naturale (come quello del primo punto della nostra lista di prodotti). E’ importante ricordarsi però di non utilizzare prodotti a base di ammoniaca che potrebbe rovinare il legno. Naturalmente, se si vuole un risultato perfetto, il tipo di lavaggio cambia anche dal modello di parquet, ma noi ci limiteremo a dare informazioni generali.

Altra attività fondamentale sei si vuole avere un pavimento con i fiocchi è la lucidatura del parquet che deve avvenire una volta che il pavimento sarà completamente asciutto per mezzo del passaggio di uno straccio di cotone e un prodotto specifico (la cera).

Dopo tutti questi passaggi potrete finalmente specchiarvi nel legno della vostra casa.

Per evitare di rigare il parquet poi è consigliabile rivestire le basi di tavoli, sedie e porte con dei feltrini, sarà magari un po’ noioso all’inizio, ma poi vedrete i risultati.

Con tutti questi accorgimenti potremo quasi arrivare al livello di Cenerentola ed essere veramente soddisfatti delle nostre pulizie, i parquet non avranno più segreti per noi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche