Putin risponde agli USA: pronti 40 nuovi missili COMMENTA  

Putin risponde agli USA: pronti 40 nuovi missili COMMENTA  

La nuova Guerra Fredda sembra ormai essere iniziata.

Alla recente notizia che il Pentagono starebbe preparando l’invio di un contingente di 5000 uomini dotati di mezzi pesanti da schierare lungo il confine con la Russia, nelle Repubbliche Baltiche e nei paesi dell’est Europa, Putin fornisce oggi una risposta molto diretta.


Entro quest’anno, la Russia amplierà il proprio arsenale nucleare con 40 nuovi missili modello Icbm, che, secondo le parole del leader russo, intervenuto al forum sull’industria bellica a Kubinka, non lontano da Mosca, “saranno in grado di superare anche il più tecnicamente sofisticato sistema di difesa missilistico”.

Parole non certo scelte a caso, al pari di quelle, precedenti, del ministro degli esteri russo Sergej Lavrov, che ha fornito una lettura esplicita delle intenzioni USA in Europa chiarendo in primo luogo che l’eventuale invio del contingente di 5000 uomini violerebbe gli accordi fra la Russia e la NATO, in base ai quali quest’ultima si sarebbe impegnata a non posizionare “su base permanente” forze militari nei paesi dell’est Europa, e specificando poi che “gli Usa stanno coltivando volontariamente una fobia antirussa tra i loro alleati europei in modo da usare l’attuale momento di difficoltà per espandere la propria presenza militare e quindi la propria influenza”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*