Qual è il Record del Tie Break nel Tennis

Guide

Qual è il Record del Tie Break nel Tennis

Qual è il Record del Tie Break nel Tennis
Qual è il Record del Tie Break nel Tennis

Cercare di spiegare quale sia la storia dietro alla nascita del Tie Break nel Tennis è davvero complicato, soprattutto perché è una lunga storia da raccontare ed anche perché, prima di arrivare al Tie Break così come lo conosciamo noi oggi, diversi sono stati i sistemi di calcolo adottati, tutti allo scopo di stabilire la durata ideale di una partita di tennis, che sembrava destinata a non terminare mai.

Si racconta che nel 1969, Charlie Pasarell e Pancho Gonzales disputarono a Wimbledon uno degli incontri più epici di tutti i tempi. In quell’occasione, Gonzales vinse per 22-24, 1-6, 16-14, 6-3, 11-9 in 112 giochi, 5 ore e 12 minuti.

La partita rimane, ad oggi, la più lunga nella storia di Wimbledon.

Addirittura, nella “Bibbia di Wimbledon”, di John Barrett, si raccontano svariati aneddoti, tra cui quello secondo cui: «irritato dalla mancata sospensione per oscurità verso la fine del primo set, Gonzales gettò letteralmente via il secondo parziale, de facto forzando il Referee Mike Gibson a rimandare la prosecuzione dell’incontro al giorno dopo».

Prendendo spunto dal VASSS, Van Alen ideò un sistema di calcolo secondo cui il Tie Break sarebbe stato vinto da chi avesse raggiunto cinque punti, diventati poi sette.

Questo nuovo sistema di calcolo non fu accolto calorosamente e benevolmente da tutti.

Tuttavia, allo stesso tempo, questa nuova regola ha introdotto nuovi vantaggi e forse scansato l’inevitabile. Infatti, è folle pensare che una partita di tennis dei giorni nostri possa essere giocata all’infinito, senza conseguenze per nessuno, giocatori e spettatori inclusi.

Sono, invece, praticamente infiniti i record di Tie Break che, attualmente, si contano nella storia del tempo. E’ impossibile elencarli tutti, ma si verificano frequentemente nelle categorie: “Men’s Singles”, “Grand Slams”, “Men’s Doubles” e “Women’s Singles”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...