Quale antibiotico per l’ascesso dentale

Salute

Quale antibiotico per l’ascesso dentale

antibiotico ascesso dentale
antibiotico ascesso dentale

Quale antibiotico per l’ascesso dentale: un’adeguata prevenzione orale e una scelta consapevole dei farmaci da assumere, possono essere una cura.

Un’infezione ai denti e ai tessuti gengivali può causare un ascesso dentale. L’ascesso dentale si distingue in ascesso dentale paradontale, nel caso in cui l’infezione sia localizzata a livello gengivale, o sull’osso alveolare e sui legamenti, e in ascesso dentale periapicale nel caso in cui l’infezione sia localizzata nella polpa dentale.

L’ascesso dentale, oltre a causare terribili mal di testa e dolori ai denti, si presenta come un rigonfiamento che porta, di conseguenza, ad avere il volto gonfio. Spesso può causare alito cattivo, si possono avere difficoltà nella masticazione e nel deglutire, nei casi peggiori può portare a lievi stati febbrili e all’infiammazione dei linfonodi sul collo.

Le cause

Diverse sono le cause che portano ad avere un ascesso dentale, prime fra tutte sicuramente la carie, o mal curate infezioni a livello gengivale che portano a dei traumi dentali.

Erodendo lo smalto dei denti, la carie permette la penetrazione dei batteri che infettano il dente fino la polpa, fino a generare pus e la necrosi della zona. Altre cause dell’ascesso ai denti sono il diabete, il consumo eccessivo di cibi molto zuccherati e l’assunzione di bibite gassate a base di zuccheri e coloranti; inoltre vanno ricordati, il fumo delle sigarette, dei sigari e delle pipe, un abuso di bevande con un’alta gradazione alcolica, e problemi a livello digestivo che provocano il cosiddetto reflusso gastroesofageo.

Come curare un ascesso dentale

Per placare il mal di testa provocato dal dolore ai denti, è consigliabile assumere un farmaco analgesico e iniziare una prima cura alternativa tramite risciacqui orali con acqua, non eccessivamente calda, e un pizzico di sale. Per sgonfiare il viso si potrebbero assumere farmaci cortisonici o farmaci antiflogistici, sotto prescrizione del proprio medico curante. Poi, successivamente, è indispensabile prendersi cura dell’infezione che ha causato l’ascesso tramite l’assunzione di farmaci specifici.

In questo caso si avrà bisogno di antibiotici appropriati alla natura dell’ascesso del dente, se si tratta di ascesso periapicale o se si tratta di ascesso paradontale. È consigliabile l’assunzione di farmaci antibiotici a base di Amoxicillina, quelli più usati, o a base di Claritromicina, o ancora di Metronidazolo, o addirittura la Piperacillina Sodica e a base di l’Eritromicina.

In caso di ascesso dentale lieve, è possibile ricorrere a farmaci che allevano l’infiammo, privi si sostanze steroidei come i più comuni ibuprofene e acido acetilsalicitico. Utili potrebbero essere anche il Naproxene. Se l’ascesso dentale provoca febbre è opportuno assumere dei farmaci a base di paracetamolo o a base di acetaminofene.

Disinfettare bene la zona orale è un altro aspetto da tenere in considerazione per evitare la fuoriuscita di ascessi dentali: lavare i denti minimo tre volte al giorno, specialmente dopo i pasti principali, pranzo e cena, e utilizzare, oltre a spazzolino (anche questo da cambiare con frequenza) e un dentifricio adatto alla situazione, un collutorio specifico per per più di 30 secondi.

Una giusta prevenzione orale permette di evitare le infiammazioni gengivali, la fuoriuscita di carie e dunque la formazione dei fastidiosi ascessi dentali.

Prima di assumere qualsiasi farmaco antibiotico è bene consultare il proprio medico curante o il dentista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche