Falso ideologico – pena e termini di prescrizioni

Economia

Falso ideologico – pena e termini di prescrizioni

falso ideologico

Viene commesso un reato di falso ideologico quando si producono documentazioni dal contenuto non veritiero. In questa guida viene spiegato quando il reato può finire in prescrizione.

Il Reato di falso ideologico è regolamentato dagli articolo 479, 480 e 483 del Codice Penale.

Cos’è il reato di falso ideologico

Viene commesso un reato di falso ideologico quando si rende testimonianza formale o quando si producono documentazioni dal contenuto mendace. Questo reato consiste nel sostenere il falso in un documento ufficiale. I reati che implicano la falsificazione di documenti con dichiarazioni diverse da quelle vere oppure la creazione di documenti falsi sono chiamati “falsità in atti”. Le pene variano a seconda del ruolo dell’imputato (pubblico ufficiale o privato) e del documento falsificato. Al suo interno il Codice penale prevede la pena di falso ideologico non soltanto per il pubblico ufficiale che ha commesso un reato in un atto pubblico ma colpisce anche il privato che realizza la falsità in atto pubblico.

Nello specifico ci sono 4 articoli del codice penale che puniscono il reato di falso ideologico:

  • Art. 479 – è punito il Funzionario che attesta il falso
  • Art.

    480 – punisce il Funzionario che produce documentazione con contenuto falso

  • Art. 483 – punisce il Privato cittadino che attesta il falso davanti a pubblico ufficiale
  • Art. 83 – nel caso in cui si a commesso falso ideologico a causa di condizionamento da parte di altro soggetto, anche questo perseguibile

Il reato di falso ideologico è punibile con il carcere da 1 a 6 anni o da 3 a 10 anni in caso di aggravanti; il giudice ha facoltà di procedere o meno in base alla gravità delle dichiarazioni false rese.

Anche per questo tipo di reato è prevista la prescrizione che implica la cancellazione del reato.

L’imputato ha il diritto di rinunciare alla prescrizione e chiedere di portare a termine il processo, essendo convinto che il processo dimostrerà la sua innocenza anche se risulta colpevole.

I termini di prescrizione, regolamentati dall’articolo 476, comma 1 e 2 del Codice Penale, sono di:

  • 6 anni nel caso in cui il pubblico ufficiale forma o altera in tutto o in parte un documento ufficiale;
  • 10 anni nel caso in cui la falsificazione riguardi una parte o un documento completo.

Partendo dalla legge 27 maggio 2015, n.

69 gli autori De Vita e De Braco analizzano l’importanza di tenere una contabilità ordinata e di riformare il sistema in modo da renderlo più semplice e trasparente. Per evitare corruzione e criminalità organizzata è necessario un intervento nella cultura e nell’organizzazione al fine di realizzare un sistema sicuro e corretto.

Un’analisi dettagliata sulle false comunicazioni in merito alla pubblica amministrazione che descrive i singoli reati presenti nel codice civile e le responsabilità degli enti pubblici. Il nuovo «falso in bilancio» e i reati societari illustra la nuova legge del 27 maggio 2015 da diversi punti di vista per avere un quadro chiaro e completo della situazione.

Un commento alla legge che ha cambiato la disciplina di reato di false comunicazioni sociali e che introduce sistemi di prevenzione e pene relative a ciascun reato.

Esempi di reati di falso ideologico

Si ha reato di falso ideologico quando il documento in questione proviene realmente da chi ha scritto il testo (esempio: è sottoscritto da Michele Bianchi e l’autore è effettivamente lui) ma il contenuto risulta essere falso.

Esempi di falso ideologico sono:

  • Assenza della data
  • Mancanza di intestazione del medico
  • Assenza di firma
  • Attestazione di patologie false

Un aspetto fondamentale di questo tipo di reato è quello psicologico.

Ad esempio, nel caso di un medico che certifica situazioni false il giudice deve essere in grado di dimostrare la totale volontà di atte­stare il falso.
Il reato di falso ideologico non potrà mai essere recapitato a nessun medico che commetta errori nella diagnosi o nella prognosi purché essi derivino da una accertata visita medica.
Il dolo rappresenta quindi l’elemento unico per accusare qualsiasi individuo del reato di falso ideologico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche