Quale olio per cellulite scegliere: consigli da sapere

Quale olio per cellulite scegliere: consigli da sapere

Donna

Quale olio per cellulite scegliere: consigli da sapere

cellulite

Combattere la cellulite è una sfida quotidiana che può essere vinta in molti modi diversi. Oggi ve ne proponiamo alcuni, tra i quali un olio rivoluzionario

Combattere la cellulite è una sfida quotidiana che può essere vinta in molti modi diversi. Oggi ve ne proponiamo alcuni, tra i quali un olio rivoluzionario. Con l’arrivo dell’autunno, la cellulite, causata anche da possibili livelli sregolati di vita, torna a essere un nemico da combattere in maniera prepotente e costante. Già, ma come combatterla? Prima iniziamo a conoscerla.

Cellulite: cos’è

In questo breve articolo vogliamo spiegarvi cosa sia la cellulite, perchè viene a crearsi e come combatterla. In ambito medico si definisce come un inestetismo cutaneo dovuto a sclerotizzazione dei pannicoli adiposi, ma questa definizione non è molto chiara e cosa sia la cellulite tutti lo sanno, quello che forse non tutti sanno è che questa alterazione si sviluppa in 3 fasi distinte e che, a seconda della fase che si sta attraversando, si possono usare dei rimedi specifici.

Fasi della cellulite

Nella prima fase chiamata “edematosa” abbiamo un ristagno dei liquidi in particolare localizzato nelle gambe che dà sensazione di pesantezza agli arti inferiori, la pelle è tesa e non si vede nulla di particolare se non comprimendo bene la cute sulla quale rimangono dei segni bianchi che in realtà non dovrebbero esserci.

Nella seconda fase chiamata “fibrosa” le cellule adipose iniziano a degenerare e le molecole di grasso si accumulano nel tessuto sottocutaneo, si formano così dei micronoduli che danno alla pelle, se compressa, l’aspetto di quella che ormai noi tutti conosciamo come “buccia d’arancia”.

Il derma è infiammato e, al tatto, la parte duole.

Nella terza fase chiamata “sclerotica” (la parola deriva dal greco e non c’entra nulla col nostro verbo dialettale “sclerare”), le cellule adipose muoiono e vengono sostituite da materiale inerte, la superficie cutanea non è più omogenea e levigata ma presenta il tipico aspetto che potremmo definire “a materasso”.

A seconda di quale fase la cellulite stia attraversando potremo utilizzare rimedi differenti. Nella prima fase, come pure nelle altre, è molto importante prestare attenzione al la dieta che si segue. Come per molti inestetismi della pelle, il cibo può essere allo stesso tempo cura e veleno. Ora si tratta di capire quali alimenti consigliare per combattere la cellulite

Rimedi

Dieta equilibrata
La dieta è molto importante in quanto una delle cause principali della cellulite è la ritenzione idrica associata a una circolazione sanguigna venosa debole. Con la dieta dovremo prediligere alimenti che diminuiscano questa ritenzione e migliorino la circolazione, quindi eviteremo alimenti troppo salati (affettati, dado commerciale) e il sale stesso in quanto rallenta la diuresi e piuttosto prediligeremo frutta e sopratutto molta buona verdura in grado di smuovere la stasi linfatica, migliorare la circolazione sanguigna (avete presente quella pubblicità che consiglia di mangiare verdura di 5 colori? Ecco, esattamente quella!) e diminuire le infiammazioni dei tessuti.

Altri alimenti da ricercare saranno quelli ricchi dei famosi omega 3, grassi polinsaturi capaci di diminuire il colesterolo e ottimi antinfiammatori naturali, questi alimenti sono il pesce azzurro (sardine, acciughe, sgombro, merluzzo) e il salmone, come fonti vegetali invece i semi oleaginosi (semi di zucca, di girasole, lino e sesamo).

Movimento fisico
Altra cosa fondamentale per favorire il drenaggio linfatico e la circolazione sanguigna è senza dubbio il corretto movimento fisico… e sì camminare, correre e fare palestra sono dei toccasana non solo per il peso ma anche per questa problematica!

Rimedi erboristici, fanghi e massaggi
Accanto all’alimentazione corretta e l’attività fisica sarà utile associare un drenante del sistema linfatico, ne esistono molti di buona formulazione in erboristeria, le piante più comunemente usate sono la betulla,l’edera, l’ortosiphon, la pilosella, il tarassaco e altre ancora.

Inoltre per chi ha problemi di circolazione sanguigna con capillari evidenti e facilità nel formarsi ematomi sulle gambe sarebbe consigliabile anche utilizzare piante che agiscano in maniera mirata sul microcircolo sanguigno come ad esempio il mirtillo, il rusco, la centella o l’ippocastano.

Chi ha già attraversato la prima fase e ormai è nella seconda con la comparsa della pelle a buccia d’arancia può invece provvedere in questo modo!

In questo caso oltre alle attenzioni prima descritte si può abbinare un intervento dall’esterno, per esempio utilizzare dei fanghi ha un’ottima efficacia per drenare i liquidi e smuovere quelle molecole di grasso che provocano l’infiammazione e la degenerazione cutanea.

Altro ottimo metodo, alternativo al fango, è il massaggio linfodrenante fatto da un massaggiatore o anche l’automassaggio e, a questo scopo, è bene utilizzare un olio da massaggio con degli oli essenziali in grado di potenziare l’effetto dell’azione meccanica del trattamento, per esempio Lucia e Luigi propongono un ottimo mix di oli essenziali nel loro olio anticellulite che risulta molto efficace.

Infatti loro coniugano l’azione dell’olio essenziale di limone e menta all’olio di caffè e agli estratti di ginko biloba, edera, rusco.

Nella terza fase invece la situazione si complica non poco, ormai il danno tissutale è marcato e non si può riconvertire il materiale fibroso in cellule vive, in questa fase l’utilizzo di fanghi e massaggi può migliorare l’aspetto cutaneo ma una completa remissione della sintomatologia è molto difficile da ottenere. Questi sono tutti dei metodi e accorgimenti facili da mettere in pratica, quindi se volete migliorare questa problematica ora avete alcuni consigli utili, ma non fatela mai diventare una fissazione.

I trattamenti sono particolarmente efficaci su una cellulite “fresca”. Al contrario, su una cellulite persistente, si rivelano spesso difficili e deludenti. Tuttavia, oggi esistono molte soluzioni che ci permettono di lottare contro la cellulite. La prevenzione si basa su un regime dietetico (limitare l’assunzione di alcool, cibi dolci o farinacei) e uno stile di vita che associa la pratica di uno sport come il nuoto ad altri sport di resistenza.

È importante mantenersi in una zona di peso “normale” fin da piccoli, per evitare la formazione di cuscinetti di grasso difficili da eliminare.

Le creme

Una volta che si è formata la cellulite, un regime appropriato e un’attività sportiva restano alla base del trattamento. Tuttavia, i laboratori cosmetici mettono periodicamente sul mercato nuovi prodotti.

Purtroppo questi prodotti snellenti risultano inefficaci contro la cellulite, a meno che non siano affiancati da un programma anti-cellulite ad hoc. Per eliminarla, il massaggio delle zone interessate è il metodo più efficace. Agendo in questo modo, il massaggio favorisce la diminuzione della ritenzione idrica e l’eliminazione delle tossine. Le creme anti-cellulite possono aiutare il massaggio, allo stesso modo di una crema idratante per il corpo.

Massaggi estetici con macchinari

Per migliorare l’azione del massaggio, alcuni macchinari combinano l’aspirazione e un efficace massaggio meccanico. Questa tecnica è stata sviluppata in Francia verso la fine degli anni ‘70 contro le escare (termine con cui si intendono quelle croste che si formano su ferite o ustioni). Il miglioramento dell’aspetto della pelle delle persone trattate ha portato a utilizzare Cellu M6 ® di LPG Systems ® anche per scopi estetici e non solo per scopi medici.

Stiamo quindi parlando di un macchinario che cattura la pelle tra due rulli e grazie a questo meccanismo di rotazione riesce a massaggiare la pelle per aspirazione e permette un movimento trasversale grazie alle valvole laterali che riescono quindi ad adattarsi allo spessore e al tipo dei tessuti. La forza di aspirazione cambia a seconda del volume della cellulite e al tipo di pelle da trattare. Questa tecnica, detta “endermologie” ® è stata brevettata da LPG Systems.

L’efficacia dell’endermologie ® è stata comprovata da diversi studi. Una ricerca pubblicata su 85 persone dai 21 ai 61 anni ha dimostrato che 46 pazienti, in seguito a sette sedute, presentavano un indice di riduzione di circonferenza corporea di 1,34 cm e 39 pazienti, dopo 14 sedute, una riduzione di 1,83 cm.

La chirurgia

Se questi trattamenti locali non producono alcun effetto, puoi rivolgerti a un chirurgo estetico, che potrebbe proporti alcuni dei seguenti trattamenti:

L’elettrolipolisi

Funziona tramite l’azione della corrente elettrica a bassa intensità, diminuisce il volume dei grassi, provocando il loro utilizzo, e accellera il drenaggio delle tossine.

L’utilizzo di ultrasuoni

Bombardano le cellule grasse, trasformando il grasso in scarti da eliminare in modo naturale.

Alcuni macchinari combinano gli ultrasuoni con l’aspirazione;
La liposcultura, conosciuta più comunemente come liposuzione: permette dei risultati più evidenti, in quanto aspira le cellule di grasso localizzato;
Altre tecniche, come la lipotomia, associano l’iniezione di un prodotto che prepara gli adipociti a un trattamento agli ultrasuoni o all’azione della corrente elettrica.

La quantità di grassi accumulata è il risultato delle abitudini alimentari, dell’atività fisica e dei caratteri genetici ereditari che ci sono ancora sconosciuti. In pratica, l’unico consiglio che risulta va essere veramente valido contro la cellulite è la riduzione del peso corporeo. L’endermologie ® può portare a dei risultati temporanei sull’aspetto della pelle, mentre la liposuzione (liposcultura) può avere dei risultati duraturi nel tempo. In ogni caso, dopo il trattamento, dovrai continuare a stare attenta all’alimentazione e a mantenere la forma fisica ottenuta. Ricorda: combattere la cellulite è una lotta costante!

Tutto questo, però, prima che arrivasse Skin Labo.

Skin Labo: cos’è

skinlabo

Skin Labo è una crema corpo rassodante anti cellulite che promette di fare davvero miracoli con una formula rivoluzionaria e degli ingredienti innovativi. L’elemento principale è il papavero giallo del mediterraneo che scioglie le cellule di grasso e aiuta rapidamente il miglioramento della zona colpita da cellulite. Gli altri ingredienti sono l’olio di avocado, l’olio di riso e il burro di Karitè, già noti per le loro proprietà sulla pelle.

Applicala una volta al giorno, stendendola a partire dai glutei fino al ginocchio, massaggiando delicatamente tutta l’area. Già dopo 2 settimane noterai: diminuzione dell’effetto buccia d’arancia, riduzione delle cellule grasse, zona delle cosce e dei glutei più snelle e una pelle nutrita grazie al burro di Karité e agli olii di avocado e riso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 757 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+