Quale parte si mangia del mango?

Cucina

Quale parte si mangia del mango?

Il mango è un frutto con nocciolo proveniente dal Sud-Est asiatico. La polpa giallo-arancione è la parte commestibile del mango, mentre la buccia, il gambo e il nocciolo non si possono mangiare. Il mango contiene alti livelli di vitamina A e C e viene mangiato sia crudo, sia in altre ricette.

MANGIARE

Il mango può essere tagliato in molti modi diversi, e puoi persino acquistare un utensile fatto apposta per affettare il mango. Metti su un tagliere il mango con il gambo rivolto verso il basso, e taglia partendo circa ad un quarto di cm dal centro. La parte centrale rimanente contiene il nocciolo, che non è commestibile, e i semi, che lo sono ma solitamente non vengono mangiati. La polpa da entrambe le parti è commestibile, ma la buccia no.

STORIA

Gli abitanti del Sud-Est asiatico mangiano il mango dal 4000 a.C. I viaggiatori portarono semi di mango in Africa e nelle Americhe intorno al 300 d.C.

Poichè richiede un clima tropicale, la Florida, la California, le Hawaii e Porto Rico sono gli unici posti in cui il mango può essere coltivato negli USA.

PROPRIETA’ NUTRITIVE

In una tazza ( circa 165 grammi), il mango contiene circa 100 calorie e mezzo grammo di grassi. E’ molto ricco di vitamina A e C, fornendo il 35% del fabbisogno giornaliero di vitamina A e il 100% di vitamine C per un adulto. Contiene 22 grammi di zucchero.

USI

Il mango viene solitamente mangiato crudo. E’ molto utilizzato nei dessert, come in torte e pasticcini, e anche nei frullati. Il succo di mango è una bevanda molto popolare nel Sud-Est asiatico.

1 Commento su Quale parte si mangia del mango?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

castagne
Cucina

Castagne: come conservarle a breve o a lungo periodo

17 ottobre 2017 di Notizie

Le castagne possono essere conservate per lunghi o brevi periodi. Per brevi periodi si conservano a temperatura ambiente o in frigo. Per conservazioni più lunghe, si consiglia di metterle in freezer, sia cotte e sgusciate che anche così come sono.