Quale scollatura scegliere per l’abito da sposa COMMENTA  

Quale scollatura scegliere per l’abito da sposa COMMENTA  

Quando si pianifica un matrimonio, poche scelte sono più personali e importanti che l’abito da sposa. Una sposa che si rispetti ha il suo abito da sposa in mente prima ancora del giorno fatidico, a volte ancora prima che conosca il futuro marito. Una delle cose più importanti di un abito da sposa è la scollatura, che agisce come una parte importante per il viso, e può far apparire ancora più radiosa il giorno del suo matrimonio. Per capire quale scollatura per l’abito è la migliore bisogna puntare a diverse opzioni e scovare quale possa essere la migliore.

Leggi anche: Cinque motivi per non indossare mai l’abito di vostra madre

Vale la pena provare alcuni abiti dalla scollatura particolare che solitamente nulla hanno a che fare con la moda. Ecco alcuni tipi di scollatura:
Battello: detta anche a barchetta, è una scollatura poco profonda, ampia che inizia a partire dalla spalla. E’ detta così perché ricorda le curvature della barca, da cui porta il nome.

Leggi anche: Abito, borsetta, scarpe color avorio: per una sposa fashion addict e un matrimonio sopra le righe


Halter: possono essere molto profonde o rimogerate, ma hanno una caratteristica in comune: hanno dei nodi o dei bottoni dietro il collo per tenere il corpetto dell’abito a posto. Un abito con questa scollatura è quasi sempre senza maniche. E’ un abito che può rivelare la schiena della donna, mentre davanti è chiuso.


Illusione e purezza: si riferiscono a vari tipi di scollature, ma l’elemento principale è il pizzo che parte da una scollatura piccolina a una maggiormente profonda. E’ a volte abbellita con laccetti, perle, ecc, perché non copre completamente il decolleté.

L'articolo prosegue subito dopo


Scollatura quadrata: può essere ampia, poco profonda, stretta o profonda, ma tutte hanno un corpetto che forma una linea orizzontale collegata da linee verticali o cinghie.

Leggi anche

Fatturazione elettronica
Guide

Fatturazione elettronica: come fare e come funziona

Ancora oggi una novità per molti di noi. Ma al tempo stesso qualcosa con cui dovremo presto fare i conti: è il sistema di fatturazione elettronica. Abbiamo già avuto modo di vedere come funziona una fatturazione elettronica - divenuta materia di regolamentazione di legge dal 2014, e obbligatorio per le imprese dal primo trimestre del 2015 - da privato a privato. Proviamo ora a descrivere in linea più generale come funziona il sistema di fatturazione elettronica, e come comportarsi per evitare di utilizzarlo nella maniera sbagliata, rischiando di incorrere in brutte sorprese. Basta infatti poco per trasgredire il protocollo previsto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*