Quali sono fiori di Bach per depressione COMMENTA  

Quali sono fiori di Bach per depressione COMMENTA  

La cura  con i fiori di Bach  non è un metodo validato scientificamente perciò non è riconosciuto dalla medicina ufficiale , i test condotti non hanno rilevato  una reale efficacia se non un effetto placebo, nonostante ciò  ha molti seguaci nel mondo.

Secondo la  disciplina del Dottor Edward Bach, le malattie sono causate dalle emozioni  e dalla personalità del paziente i quali causano ripercussioni fisiche sul corpo;

sostenendo la necessità di trovare una medicina alla portata di tutti, che provenisse dalla natura, Bach individuò una pianta benefica per ciascun disturbo o malattia; le essenze di fiori di Bach si  possono acquistare in erboristeria  sotto forma di tintura madre.

Per curare la depressione  sono indicati diversi fiori, uno per tipologia del disturbo e per sintomo, i principali sono Mustard, Gentian, Wild Rose e sta r of Bethlem.


Mustard– questo fiore serve a lenire uno stato di malinconia che insorge senza una causa apparente, causa pianto frequente, dura alcuni giorni per poi passare senza provocare danni particolari.


Gentian– per la depressione reattiva ovvero una reazione ad eventi traumatici, situazioni avverse, delusioni.

Wild Rose- agisce sul ritiro, sullo scudo di protezione che il paziente erige fra se ed il mondo per non provare più dolore, un limbo in cui non prova più emozioni che in passato sono già state causa di dolore.


Star Di  Bethlem- agisce similmente a Wild Rose nei casi di ritiro sociale, i fiori possono essere assunti in combinazione fra loro.

Rock Rose per affrontare ansia e crisi di panico che spesso accompagnano la depressione.

L'articolo prosegue subito dopo


Gorse e Chestnut sono indicate, secondo Bach, per i casi di depressione profonda con pensieri di morte ricorrente.

 La depressione è una malattia mentale presente nel manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali  compilato e pubblicato dalla Associazione americana di Psichiatria. 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*