Quali sono i rischi dei massaggi fatti in spiaggia? - Notizie.it
Quali sono i rischi dei massaggi fatti in spiaggia?
Guide

Quali sono i rischi dei massaggi fatti in spiaggia?

In spiaggia siete tentati dal ricevere un massaggio da operatori ambulanti? Di solito si tratta di cinesi che non sono autorizzati a questo tipo di prestazione, che potrebbe procurare seri danni alla salute. Un massaggio eseguito senza la valutazione preliminare di un professionista esperto può acuire problemi dei quali non si è neppure coscienti, come infezioni o infiammazioni in fase acuta (anche quelle ginecologiche e alle vie urinarie, come la comunissima cistite).

Se le pressioni o le trazioni a livello cervicale vengono effettuate in modo brusco oppure inadeguato possono causare lesioni o addirittura fratture, se si soffre, per esempio, di un’osteoporosi anche latente e quindi non ancora diagnosticata. Inoltre, bisogna stare attenti a non effettuare il massaggio direttamente su infezioni cutanee, traumi recenti come fratture, ferite, strappi, lussazioni.

Si tratta di condizioni che in genere una persona non riesce a valutare autonomamente come controindicazioni al massaggio, e che l’operatore abusivo solitamente non considera.

Ecco i rischi legati ad un massaggio eseguito sulla spiaggia da parte di operatori ambulanti non autorizzati: rischio di infezioni e allergie per le cattive condizioni igieniche in cui vengono praticati i massaggi o a causa di oli e creme non sempre di qualità; danni ai legamenti procurati da manovre errate o troppo brusche, per le quali occorrono cure mediche fisioterapiche di personale qualificato.

Proprio perché abusivi, è impossibile quantificare quanti offrano “massaggi” sulle nostre spiagge. Il fenomeno non è solo estivo e confinato ai massaggiatori stranieri improvvisati: si calcola che il numero di fisioterapisti abusivi, complice il ritardo dell’istituzione in Italia degli ordini per le professioni sanitarie, sia altissimo anche in città: 100 mila, il doppio di quelli veri.

Cosa dice la legge? L’ultima ordinanza del Ministero della Salute che vietava i massaggi eseguiti sui litorali dagli abusivi risale al 2011, mentre per il 2012 era stata demandata la responsabilità di disporre eventuali normative ai Comuni.

Per il 2013, allo stato attuale non è ancora stata emanata alcuna disposizione specifica. Quindi, di fatto, la pratica rientra nell’abusivismo generico di una professione. Sta a voi decidere se rischiare oppure no.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*