Quali sono i sintomi osteoporosi COMMENTA  

Quali sono i sintomi osteoporosi COMMENTA  

L’osteoporosi è una malattia delle ossa che colpisce prevalentemente donne dopo i 40 anni causando fratture frequenti e dolori  persistenti.

In un corpo sano, l’osso è un  organismo vivente che si rinnova, producendo collagene che sostituisce il materiale che ha concluso il suo ciclo vitale;

dopo i trentanni la capacità di rinnovarsi rallenta per cui,il corpo elimina più materiale non vitale di quanto ne possa produrre, ciò porta ad una diminuzione della massa ossea,  e un indebolimento dello scheletro che va incontro a fratture e deformazioni.

Il normale processo di invecchiamento diviene una patologia se la massa ossea è  già insufficiente prima dei 30 anni, quindi si ha una predisposizione e quando lo stesso processo di invecchiamento è troppo veloce.

Nella fase  iniziale la patologia non presenta sintomi ma presto, quando però è già in atto si hanno:

  • Forti dolori alla schiena
  • Difficoltà nel deambulare
  • Postura curva
  • Frequenti fratture
  • Riduzione statura

Se non si interviene la situazione peggiora e diviene invalidante in quanto le fratture si verificano anche senza forti traumi e le vertebre si piegano fino a comprimere i nervi e i tessuti sottostanti; il medico prescrive farmaci  e vitamina D per rallentare la degenerazione della patologia e una alimentazione ricca di calcio.

Per evitare di essere colti  da dolori quando la malattia è già in atto si consiglia di fare controlli della densità ossea a partire dai 45 anni  se in famiglia  c’è una predisposizione e se in passato si hanno avuto fratture.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*