Quali sono i trattamenti permessi in gravidanza? COMMENTA  

Quali sono i trattamenti permessi in gravidanza? COMMENTA  

La gravidanza rende le donne più belle. Il periodo della gestazione è caratterizzato dalla presenza concomitante di alcuni fattori che contribuiscono a rendere la donna più bella e dall’aspetto luminoso. Merito soprattutto degli estrogeni che, prodotti in abbondanza durante i nove mesi, illuminano e riequilibrano la pelle. Oltre al viso, che appare più sano e lucente, anche il seno vive un momento felice, poiché diventa più turgido e prosperoso.


Di contro, però, la gravidanza predispone allo sviluppo e al peggioramento di piccoli inestetismi. In particolare, espone la donna a due problemi principali: l’aumento del peso e la ritenzione idrica. Di conseguenza, possono apparire sulle zone critiche stati infiammatori del derma, cellulite, adiposità localizzate. Inoltre vi è la comparsa di smagliature, a causa del progressivo stiramento della pelle e dell’aumento di volume in alcune parti del corpo.


Premesso che anche in gravidanza la donna non deve rinunciare a sentirsi bella e a curare il proprio aspetto, è anche vero che bisogna sapere quali sono i trattamenti estetici più indicati in questo delicato periodo. I trattamenti di medicina estetica non invasivi come massaggi, ultrasuoni trattamenti laser e radiofrequenza sono permessi perché non danneggiano il feto. Anche le tinte per capelli possono essere eseguite senza provocare alcun problema al feto. Possono dare allergia alla madre, ma non è mai stato dimostrato che siano tossiche per il piccolo. Lo stesso vale per i prodotti usati per la manicure e la pedicure professionali.


L’unica accortezza è controllare che gli strumenti siano stati ben sterilizzati. Per quanto riguarda i metodi che prevedono infiltrazioni, per precauzione se ne sconsiglia l’utilizzo in gravidanza. Sarebbe meglio, quindi, non sottoporsi a mesoterapia, carbossiterapia, intradermoterapia, iniezioni di sostanze che sciolgono il grasso. Andrebbe evitata anche la sauna, poiché può provocare un brusco abbassamento della pressione sanguigna. Se si ha problemi di capillari deboli, meglio evitare in gravidanza la ceretta a caldo.

L'articolo prosegue subito dopo


 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*