Quali sono le cause di polpacci e caviglie arrossati e gonfi?

Le persone anziane spesso hanno dolore, gonfiore e arrossamento alle caviglie, ai polpacci e ai piedi, sebbene questa condizione interessi anche persone più giovani. Quando vi è un accumulo di fluidi in eccesso nelle caviglie e nelle gambe, questo può provocare un edema periferico o gonfiore.

Leggi anche: Come evitare le cause naturali del gonfiore di piedi e caviglie


Caviglie gonfie

Gravità

Quando si ha gonfiore, esso può essere molto doloroso. La gravità causa gonfiore soprattutto nelle parti inferiori del corpo. Quando si hanno le caviglie, i polpacci o qualunque parte del corpo gonfia, la pelle può diventare rossa a causa di un abbondante afflusso di sangue ai capillari.

Leggi anche: Come fare un pediluvio per aiutare il trattamento delle caviglie gonfie


Avvertenze

I piedi e i polpacci gonfi possono essere indicazione di malattie renali, epatiche o cardiache, le quali portano ad un accumulo di fluidi nel corpo. Altre condizioni che causano gonfiore sono un blocco dei linfonodi nelle gambe, un trombo, insufficienza venosa, vene varicose, infezioni e malnutrizione.


Gravidanza

La gravidanza può causare gonfiore a caviglie e polpacci. Quando il bambino cresce vi è sempre più pressione sulle vene che portano il sangue a gambe e piedi, il che provoca gonfiore.

L'articolo prosegue subito dopo


Farmaci

I farmaci che si assumono possono causare gonfiore. Gli antidepressivi, gli steroidi e i farmaci che contengono estrogeni possono causare gonfiore.

Tipi

Se urtate un piede o una caviglia si può verificare gonfiore. Alcune donne hanno un accumulo di fluidi prima delle mestruazioni. Altri fattori che possono causare gonfiore sono stare a lungo in auto o in aeroplano, stare in piedi troppo a lungo, essere sovrappeso e l’invecchiamento.

Trattamento

I trattamenti possono consistere nell’assunzione di diuretici o indossare calze contenitive a seconda della causa del gonfiore e dell’opinione del medico.

Leggi anche

http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/09/cauzione-affitto_NG4.jpg
Guide

Affitto: anche in caso di danni la cauzione va restituita

Quando si stipula un contratto di locazione, l'inquilino è molto spesso chiamato a rilasciare al proprietario dell'immobile la cd. cauzione, ovverosia una somma di denaro volta a garantire il locatore rispetto all'adempimento delle obbligazioni che derivano dal rapporto instaurato. La norma stabilisce che tale deposito non può essere di ammontare superiore a tre mensilità del canone e che esso produce interessi legali, da corrispondere al conduttore alla fine di ogni anno. A fine contratto, se il conduttore ha adempiuto correttamente a tutti gli obblighi contrattuali, il locatore deve restituirgli la somma versata a titolo di cauzione, maggiorata degli interessi nel frattempo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*