Quali sono le differenze tra un perizoma e un tanga?

I termini “tanga” e “perizoma” sono entrambi usati per descrivere tipi simili di biancheria. Sebbene si pensi che i termini sono intercambiabili, ci sono delle sottili differenze tra i due.

Leggi anche: Biancheria intima che vibra, nuova tendenza 2013


Tanga

Un tanga è un capo di biancheria ideato per avere la minima copertura dei glutei. Di fronte, un tanga è identico alla parte inferiore di un bikini. Sul retro, u tanga è una striscia di tessuto che si inserisce tra i glutei.

Leggi anche: Come distinguere un tanga da un perizoma


Perizoma

Un perizoma è considerato un tipo di tanga. Esso consiste in un triangolo di tessuto nella parte frontale e un sottile elastico nella parte, che viene messo tra i glutei.


Differenze

Le differenze più visibili tra un tanga e un perizoma sono visibili nella parte posteriore. Un tanga ha una striscia di tessuto, di solito larga almeno 3 cm su ogni lato e un piccolo triangolo di tessuto nella parte superiore posteriore. Un perizoma è molto più sottile del perizoma e la striscia di tessuto lungo la vita e tra i glutei è molto sottile, il più delle volte composta solo da elastico.

L'articolo prosegue subito dopo


Vantaggi

La ragione pratica di indossare un tanga o un perizoma è ridurre la visibilità dei bordi degli slip che si vedono quando si indossano abiti stretti. Poiché sia il perizoma che il tanga hanno poco tessuto, ci sono pochi bordi visibili.

Leggi anche

http://www.notizie.it/wp-content/uploads/2016/09/consigli-per-affitti-brevi.jpg
Guide

I diritti e i doveri del conduttore in affitto

Soprattutto in periodi di crisi come questo, molti sono coloro che preferiscono sottoscrivere un contratto di locazione piuttosto che impegnarsi con una banca a pagare un mutuo con gli interessi. In quanto una delle controparti del contratto, il conduttore è tenuto a conoscere quali diritti e obblighi sono imputati alla sua persona. Diritti del conduttore  L'inquilino ha il diritto di: –  ottenere in consegna un immobile in buono stato di manutenzione; –  abitare in un appartamento che sia sempre mantenuto dal locatore in uno stato tale da servire all’uso convenuto (spettano a lui le riparazioni necessarie, mentre al conduttore quelle relative alla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*