Quali sono le marche più affidabili per tingersi i capelli COMMENTA  

Quali sono le marche più affidabili per tingersi i capelli COMMENTA  

Le tinture per capelli sono le più aspre, e sono quelle maggiormente a rischio per la salute del nostro cuoio capelluto. Se è possibile, cerca di scegliere tinture che siano temporanee, permanenti, semi – permanenti, demi – permanenti, e naturali.

Leggi anche: Come combattere i capelli dall’umidità?


Le tinture che si usano solitamente cambiano il pigmento del colore dei capelli.

Le tinture demi – permanenti aumentano il colore, aggiungono splendore, e creano un miscuglio con il grigio. Grazie ai livelli molto bassi di idrogeno e alle molecole di colore artificiale, questa tintura ha meno impatto sui capelli rispetto a qualsiasi altra tintura, e dura da un minimo di 4 a un massimo di 6 settimane.

Leggi anche: Il modo migliore per avere una pelle dall’aspetto più giovane


Le semi – permanenti macchiano i capelli e coprono i grigi ma scompaiono dopo 6 o 8 shampoo.

Si possono anche usare delle tinture fatte con erbe naturali, come per esempio l’henné che colora i tuoi capelli, donando un approccio naturale e dolce, dal momento che non contiene agenti chimici, come l’ammoniaca.

Non alterano il colore del capello e sono resistenti, al contrario di quanto si dice.

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*