Quali sono le terapie per il bruxismo? COMMENTA  

Quali sono le terapie per il bruxismo? COMMENTA  

Avete sentito mai parlare di una patologia chiamata bruxismo?
Probabilmente si e probabilmente conoscete qualcuno che ne soffre ma non sapete che in effetti il termine tecnico della patologia è questo.

Il bruxismo fa riferimento ad una patologia che porta a digrignare i denti. E’ una patologia molto comune che va a colpire il cavo orale e causa appunto sfregare gli elementi dentali tra di loro.

Io stessa soffro un po’ di bruxismo. Ad accorgersene è stato il mio dentista che non si spiegava come mai nel giro di una settimana prendessi almeno due appuntamenti a causa di una capsula sempre in movimento.


Secondo molti studiosi il bruxismo è una patologia ereditaria ma in alcuni casi ci sono anche fattori di stress, aggressività o tensione emotiva nel paziente.

Il bruxismo ha tante conseguenze purtroppo, alcune anche abbastanza gravi: scheggiature e alterazione della forma dei denti. Alterazione dello smalto fino alla sua definitiva scomparsa. Se non diagnosticato in tempi brevi, l’usura può aggredire anche la dentina.

L'articolo prosegue subito dopo


Come rimediare. Innanzitutto i dentisti suggeriscono l’uso del byte. Molti sono restii ma al momento dell’uso il cliente si renderà conto della gravità della propria patologia. In molti casi in fatto il byte si distrugge completamente nel giro di un mese. In alcuni casi altre al byte i dentista va anche a eliminare alcuni “pericoli” tramite il trattamento ortodontico oppure un molaggio selettivo cioè andando a “limare” i denti per consentire un contatto più uniforme.
Se il bruxismo è causato da “problemi psicologici” il medico andrà a intervenire con un trattamento terapeutico adatto. Risolto questo in automatica andrà a risolversi anche quello.

Leggi anche

About Enrica Marrelli 457 Articoli
Laureata in Teoria della Comunicazione e Comunicazione Pubblica presso l'Università della Calabria. Amo la lettura ma mi appassiona anche il grande e il piccolo schermo.
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*