Quali sono nuove sanzioni evasione fiscale 2014 COMMENTA  

Quali sono nuove sanzioni evasione fiscale 2014 COMMENTA  

817 N sanzioni evasione fiscale

L’articolo 4 del DLgs 74/2000 regolamenta il reato (penale) di dichiarazione infedele che prevede il sanzionamento e potenzialmente anche il carcere per il contribuente che dichiara parzialmente il reddito evadendo le tasse dovute oltre la soglia di 50 000 €. Ma con l’introduzione delle norme su abuso del diritto e sanzioni previste dalla delega fiscale (legge 23/2014) si vuole introdurre una modifica al suddetto articolo 4 – una bozza di riforma fiscale in discussione entro l’ultima settimana di novembre nel Consiglio dei Ministri. Il provvedimento, in fase di discussione anche presso l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza, prevede le seguenti novità:

  • depenalizzazioni del reato di dichiarazione infedele, portando la soglia di evasione oltre i 200 mila euro (contro i 50 mila attuali);
  • non sarà considerato reato la non corretta classificazione nel bilancio di oneri deducibili reali;
  • l’elusione fiscale non sarà più considerato reato penale;
  • la soglia di non punibilità penale del reato di frode fiscale delle false fatturazioni sarà abbassata a 1000 euro (sotto questa soglia resta solo la sanzione amministrativa).

Attualmente vige ancora la condizione congiunta per cui il reato di dichiarazione infedele scatta quando l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti a tassazione è superiore al 10% dell’importo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o superiore, comunque, a 2 milioni di euro.


Se le modifiche saranno approvate, si semplificherà il rapporto tra imprese e fisco e i reati di natura fiscale saranno sempre più di competenza amministrativa piuttosto che di natura penale.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*