Permessi SIAE e festa privata: quali sono le sanzioni

Musica

Permessi SIAE e festa privata: quali sono le sanzioni

permesso SIAE

Quando si vuole organizzare una festa privata in un locale pubblico, cioè che non sia la propria abitazione, è necessario provvedere a tutti i pagamenti relativi al permesso SIAE. Il rischio, per chi non lo fa, è di incorrere nei controlli degli ispettori della SIAE che comminano delle multe molto salate.

Quando si organizza una festa privata in un locale pubblico è necessario completare alcune pratiche burocratiche. Quella principale è ottenere il permesso SIAE per la trasmissione di musica dal vivo. Le feste private sono considerate tutti quei eventi realizzati in luoghi diversi dalla propria abitazione. Generalmente matrimoni, battesimi, cresime, compleanni e feste di laurea. Esse sono offerte da privati, con l’ingresso riservato ai soli invitati e non a una collettività pubblica.

Permessi SIAE e feste private

Puó accadere che la musica sia registrata o trasmessa tramite l’attività di un DJ, il quale dovrà possedere dei regolari permessi SIAE. In questo caso, oltre al compenso per il Diritto d’Autore, è dovuto anche un compenso per i cosiddetti diritti connessi. Questi diritti devono essere pagati ai produttori del suono e agli artisti che hanno eseguito i vari brani registrati.

Cosa è la SIAE

La SIAE, società che rappresenta i diritti di autori ed editori, è la principale agenzia di gestione del copyright in Italia.

Ad essa si rivolgono autori e cantanti che vogliono tutelare le loro opere affinché nessuno ne faccia un uso che non sia di loro gradimento.
La SIAE intende difendere il diritto d’autore, tutelando le opere d’ingegno realizzate in qualunque forma. Essa serve ad evitare che chiunque utilizzi tali opere per trarne un vantaggio commerciale aggirando l’autore.

Come si paga la SIAE

Per poter organizzare feste o eventi privati gratuiti, occorre il rilascio del permesso e il pagamento del diritto d’autore. Essi sono reperibili on line, utilizzando il servizio messo a disposizione sul sito della SIAE. I requisiti richiesti sono: essere maggiorenne ed essere un organizzatore occasionale di eventi privati. Occorrerà inserire il proprio codice fiscale nella procedura. Sarà così possibile ottenere in maniera semplice e veloce il permesso SIAE, pagando direttamente online quanto dovuto.

Quanto costa il permesso SIAE

La tariffe per il diritto d’autore variano a seconda della tipologia di festa.

Per le feste di compleanno il costo della SIAE è di 79 euro. Tale tariffa risulta ridotta rispetto solo se la data dell’evento ricade nei 15 giorni precedenti o successivi alla data di nascita. Per le altre feste il costo varia a seconda del numero di invitati. Generalmente il costo è di 99 euro se ci sono meno di duecento invitati e 249 euro se si superano. Discorso a parte va fatto per i matrimoni: 199 euro con meno di duecento invitati e 299 euro se si superano.

In caso di utilizzo di musica registrata eseguita da DJ sono da aggiungere gli importi per diritti connessi spettanti ai produttori fonografici.

  • Compleanni 24 euro
  • Feste generiche da 34 a 54 euro
  • Matrimoni da 79 a 119 euro , tenendo conto del numero di invitati.

Per saperne di più

Un volume che spiega come funziona la SIAE e i diversi casi in cui si applica la tutela del diritto d’autore per organizzare feste e eventi privati nel rispetto della legge.

Siae: funzionamento e malfunzionamenti. La gestione collettiva del diritto d’autore in Italia è un manuale che illustra in modo chiaro il funzionamento dell’ente e distrugge i falsi miti ad esso legati, descrivendo in modo dettagliato ma conciso gli aspetti più criptici del sistema.

Una descrizione aggiornata del diritto d’autore oggi e delle prospettive di evoluzione per il futuro con una contestualizzazione del mercato in evoluzione e dei nuovi meccanismi di tutela delle invenzioni creative. Grazie a questo manuale è possibile avere un’immagine della situazione attuale del diritto d’autore.

Un confronto sugli aspetti positivi e negativi della Società Italiana Autori ed Editori e sulla sua efficacia sul territorio italiano. Considerando le ultime norme e invenzioni, l’autore valuta l’ipotesi di abolire la SIAE dando voce a diverse professioni coinvolte allo scopo di favorire lo sviluppo del mercato e della concorrenza.

Sanzioni

Il permesso SIAE si ottiene pagando la rispettiva quota.

In caso di mancato pagamento gli organizzatori riceveranno una multa pari a sei volte l’importo che avrebbero dovuto versare. Oltretutto il musicista non potrà più esibirsi o eseguire musica in quella determinata serata.

Modi per non pagare la SIAE

Se non si vuole pagare il permesso SIAE si possono utilizzare le piattaforme con licenza Creative Commons. Si tratta di un’organizzazione che ha ampliato l’elenco delle opere condivisibili e utilizzabili in pubblico. Tale organizzazione è senza scopo di lucro. L’operazione è perfettamente legale.

Queste licenze si riservano solo qualche diritto di utilizzo, a differenza della regola per cui “tutti i diritti sono riservati”. Dopo avere compreso quali siano i diritti riservati, è possibile trasmettere musica o suonare in pubblico questi brani. Ecco un modo semplice e diffuso senza dover sottostare al pagamento della SIAE.

https://www.siae.it/it/servizi-online-term/permessi-feste-private

https://www.siae.it/it/gsearch/pagare%2Bsiae%2Bonline.

https://www.siae.it/sites/default/files/Tariffe_Feste_Private.pdf

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche