Quali sono i sintomi della carenza di sonno? COMMENTA  

Quali sono i sintomi della carenza di sonno? COMMENTA  

Le ore di sonno notturne sono piuttosto soggettive, ma è scientificamente provato che le ore di riposo notturno consigliate per condurre una vita sana sono “8”. Dormire meno di 8 ore a notte comporta rischi non indifferenti per la salute come l’obesità, il diabete di Tipo 2, problemi di metabolismo. Infatti, è dimostrato il legame tra metabolismo e sonno, in quanto la carenza di sonno comporta alterazioni dell’attività metabolica influenzando anche la risposta immunitaria del corpo. Inoltre, la perdita di sonno è strettamente correlata all’obesità perché si è notato che quando si dorme poco si ha più tempo per fare altro e per via dello scompenso metabolico, il tempo in cui non si dorme lo si impiega preferibilmente nel mangiare e nel bere sostanze ricche di zuccheri e carboidrati, inducendo l’obesità.


Ma quali sono i sintomi della carenza di sonno?

Da una ricerca condotta dal Montefiore Medical Center di New York, gli esperti di medicina del sonno hanno stilato un decalogo dei principali sintomi che rivelano una carenza di sonno, si tratta di comportamenti da tenere sotto controllo che se prolungati nel tempo possono rivelare problemi psicofisici e patologie anche più gravi:

  • addormentarsi immediatamente appena si appoggia la testa sul cuscino è spesso vanto di chi sostiene di non soffrire di insonnia, ma è allo stesso tempo un segnale di carenza del sonno e talvolta di una vera e propria patologia (narcolessia);
  • fare acquisti compulsivi, non programmati e costosi o frequenti sbalzi di umore sono sintomo di un’alterazione della capacità di giudizio dovuta a mancanza di adeguate ore di sonno;
  • l’incapacità di fare discorsi di senso compiuto in modo spontaneo, ma il ricorrere a frasi fatte e luoghi comuni indica che le zone del cervello associate al linguaggio e al pensiero risentono della privazione del sonno;
  • la carenza di sonno gioca brutti scherzi alla memoria, impedendo la formazione e la contestualizzazione dei ricordi;
  • di conseguenza, la mancanza di sonno influisce sulla concentrazione, riducendo i tempi di reazione o la capacità di prendere decisioni nell’immediatezza;
  • l’alienazione, fare cose in automatico senza rendersi conto o senza ricordare di aver fatto qualcosa è indice di assoluto bisogno di sonno;
  • essere sempre affamati è indice di carenza di sonno perché si altera l’equilibrio tra le leptina – ormone che comunica al corpo il senso di sazietà – e la grelina (ormone che dà il segnale di fame). Con poche ore di sonno, la leptina diminuisce e la grelina aumenta spingendo il soggetto a mangiare di più e più spesso;
  • i maldestri sono goffi di natura, da non confondere con chi inciampa sempre e non riesce a tenere le cose in mano, un sintomo di grande debolezza e mancanza di sonno;
  • la difficoltà nel gestire i conflitti e la frequenza a discutere con aggressività è sintomo di poco sonno e nervosismo;
  • addormentarsi anche di giorno, in contesti e situazioni in cui si dovrebbe essere normalmente vigili o chi si “appisola” pochi minuti dopo essere entrato in un luogo poco illuminato (come un cinema, una sala riunioni, un museo) è sintomo che il sonno notturno non è sufficiente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*