Quando vanno in prescrizioni le multe COMMENTA  

Quando vanno in prescrizioni le multe COMMENTA  

Ricevere una multa è sempre un evento sgradevole. Spesso tendiamo a metterla da parte, dimenticandoci che esiste, e a tirarla fuori solo all’ultimo momento.

Dobbiamo fare molta attenzione perché c’è il rischio probabile di dover pagare poi anche una mora per il ritardo.


Se però i ritardatari non siamo noi ma l’ente di riscossione che cosa succede? Le multe possono andare in prescrizione? La risposta è affermativa. C’è infatti una data di scadenza entro il quale il creditore deve avanzare una richiesta di pagamento. Questa norma è sancita dall’articolo 28 della legge del 24 novembre 1981, numero 689 la quale annuncia, infatti, che il diritto alla riscossione viene meno al termine del quinto anno dal giorno in cui è stata commessa l’infrazione.


Il conto alla rovescia dei cinque anni inizia, come abbiamo detto, dal momento in cui viene commessa la violazione ma viene invece interrotto ogni qual volta una richiesta di pagamento viene notificata, come, ad esempio, una cartella esattoriale o un verbale, per poi rincominciare nuovamente da capo.


La legge finanziaria del 2008, invece, ha integrato la legge precedente dichiarando che ” a decorrere dal 1º gennaio 2008 gli agenti della riscossione non possono svolgere attività finalizzate al recupero di somme, di spettanza comunale, iscritte in ruoli relativi a sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, per i quali, alla data dell’acquisizione di cui al comma 7, la cartella di pagamento non era stata notificata entro due anni dalla consegna del ruolo.”

Al termine di questo periodo, se la multa non è stata notificata correttamente, l’obbligo di pagare la multa si estingue definitivamente. Tuttavia, se la notifica è stata invece effettuata correttamente, la multa dovrà comunque essere pagata.

L'articolo prosegue subito dopo


Non possiamo, perciò, che sperare nell’eventualità di un errore dell’ente di riscossione e, se vogliamo la sicurezza di non ricevere multe sgradite, stare attenti a non commettere violazioni del codice della strada.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*