Con quanti pezzi si gioca a scacchi e quali? COMMENTA  

Con quanti pezzi si gioca a scacchi e quali? COMMENTA  

Con quanti pezzi si gioca a scacchi e quali?
Con quanti pezzi si gioca a scacchi e quali?

Il gioco degli scacchi è uno dei giochi da tavolo più conosciuti. Tuttavia, le sue regole sono più complicate di quanto si possa credere.

Gli scacchi sono un gioco di strategia nel quale troviamo opposti due avversarsi, detti bianco e nero dal colore dei pezzi. Bisogna usare le strategie giuste per arrivare allo scopo del gioco, ovvero sconfiggere il Re nemico.


Per giocare a scacchi è necessaria un’attrezzatura minima, infatti, serve una scacchiera e i pezzi, ovvero gli scacchi. La scacchiera è una tavola quadrata, formata da 8×8 caselle. In cui si alternano caselle chiare a quelle scure. Le caselle della scacchiera sono chiamate case. Le colonne sono etichettate, da sinistra a destra, da A a H. Le righe sono etichettate, dal basso verso l’alto, con i numeri da 1 a 8.


Quando si inizia la partita, la scacchiera deve essere orientata in modo che la casa in basso a destra sia bianca. Inoltre, le colonne, hanno nomi particolari. Le prime quattro colonne partendo da sinistra (colonne a, b, c e d) sono chiamate lato di Donna; mentre le altre colonne dal centro fino all’ultima destra (e, f, g e h) sono il lato di Re.


Inoltre, servirebbe anche un orologio da torneo. Questo però viene utilizzato solo nelle partite ufficiali. Questo orologio apposito, formato da due orologi interconnessi e fatti funzionare in maniera alternata, tramite due pulsanti messi sopra di essi. Se il pulsante sopra l’orologio di destra è abbassato, funziona quello di sinistra e viceversa. Viene utilizzato nei tornei per evitare mediazioni infinite da parte dei giocatori. In una partita ufficiale, infatti, dovete eseguire un determinato numero minimo di mosse in un tempo-limite o hai un tempo fisso per finire la partita.

L'articolo prosegue subito dopo


I pezzi degli scacchi vanno disposti in un ordine preciso. Per i bianchi, da sinistra a destra vanno: Torre, Cavallo, Alfiere, Regine, Re, Alfiere, Cavallo e Torre. La Regina o Donna va sempre sulla casella del suo stesso colore. I pedoni vanno messi davanti agli altri pezzi. Ogni pezzo ha un suo movimento specifico.

Il Re, il pezzo più importante della scacchiera, può muoversi in tutte le direzioni ma solo di una casella. Se il pezzo viene catturato la partita finisce. Inoltre, il Re può catturare i pezzi vicini, solo se queste mossa non lo porti in scacco.

La Regina è il pezzo più forte della scacchiera. La Regina può muovere in tutte le direzioni e in un numero illimitato di case. Essa cattura gli altri pezzi nel modo classico, ovvero sostituendosi nella casella del pezzo mangiato.

La Torre è il pezzo più forte dopo la Donna. Esso può muoversi, solamente, per linee verticali ed orizzontali e in un numero illimitato di case. Inoltre, viene coinvolto con il Re in una mossa che si chiama arrocco. L’alfiere ha come movimento l’esatto contrario della Torre. Muove, infatti, solo ed esclusivamente in diagonale di quante caselle vuole. Il cavallo è il pezzo con la mossa più particolare fra tutti. È l’unico pezzo in grado di saltare gli altri e si muove facendo una L maiuscola. Ad ogni mossa il cavallo cambia colore della casa.

I Pedoni sono i pezzi di rango più basso nella scacchiera. Esso si muove di una sola casella avanti, tranne quando deve catturare; infatti in questi casi può mangiare solo il pezzo che si trovo in diagonale. Inoltre la prima mossa può essere di una o due case. Il Pedone, se raggiunge la traversa 8, ottiene una “promozione” e può essere sostituito con un altro pezzo a piacere del giocatore, tranne il Re.

Per i tornei professionisti ci sono poi regole particolari che devono essere seguite.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*