Ecco quanto bisogna correre per dimagrire COMMENTA  

Ecco quanto bisogna correre per dimagrire COMMENTA  

Tra i vari metodi per dimagrire la corsa è uno dei più salutari. Correre fa bene, è facile da fare e non richiede l’uso di attrezzature. Ma quanto a lungo bisogna correre per dimagrire?

Partiamo da un assunto; dimagrire significa perdere grasso. Il che non equivale come molti pensano a bruciare grasso. Alla perdita di grasso infatti va affiancata l’aumento di massa magra e muscoli.

Leggi anche: Come riscaldare i muscoli prima di correre


Con l’esercizio fisico il nostro corpo usa grasso e carboidrati come se fosse una fonte di energia. Perché questi inizino ad essere eliminati bisogna avere costanza e pazienza.


Prima di iniziare qualsiasi allenamento è fondamentale riscaldarsi a fondo per evitare danni anche gravi alla muscolatura.

L’uso di grassi corrisponde ad un’attività più intensa, i carboidrati invece si consumano nel momento di scarico, quando cioè ci riposiamo. Un’attività iniziale intensa, pari all’80% della frequenza cardiaca è un ottimo inizio. Teniamo questo ritmo per 20 minuti e poi ci fermiamo per circa 2 minuti. Questa è la fatidica soglia aerobica. E’ necessario quindi essere ben allenati per poterla sostenere a lungo.


Se invece siamo dei novellini e ci avviciniamo alla corsa per la prima volta, adotteremo un sistema di allenamento più blando.

La regola 1 farà al caso nostro. Per 1km di corsa si perderà 1kcal per 1 kg di peso corporeo. Ciò significa che una persona di 70kg perderà 70kcal per ogni km di corsa. In questo caso basterà non forzare troppo l’andatura. Dopo 20’ cominceremo a bruciare grassi, carboidrati e aminoacidi. Per aumentare la soglia, bruciare di più e dimagrire più velocemente dovremo avere cura di aumentare la distanza percorsa di volta in volta.

L'articolo prosegue subito dopo


Ovviamente, l’attività fisica da sola non basta per dimagrire. A questa dovrà essere combinata una dieta sana ed equilibrata.

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*