Quanto ho amato il mio NES! COMMENTA  

Quanto ho amato il mio NES! COMMENTA  


Ogni bambino o bambina nato dopo il 1973 ha qualcosa da raccontare a proposito di una console di gioco, che gli ha reso la vita più felice durante la crescita. Tutti coloro che sono nati dopo il 1991 hanno qualcosa da raccontare su un’avvincente console, capace di interazioni umane all’interno di regni di fantasia. Nel mio caso, è una situazione precedente quella alla quale sono legato.

Leggi anche: Online: Migrazione di societa verso il circuito legale italiano


In quanto bambino che è cresciuto a cavallo degli anni ’80 e ’90, ho visto la febbre per Pacman estinguersi, quando un’era di nuovi giochi fu salutata da Nintendo e Sega. Durante gli ultimi anni ’80 c’era la sensazione che i bambini si fossero divisi tra fan di Sega e fan di Nintendo. Io scelsi di schierarmi con Nintendo. Quando ho avuto il mio primo NES, ricordo che pensavo fosse la cosa più incredibile che avessi mai visto.

Leggi anche: Poki, un portale di giochi online che accontenta proprio tutti


Ho fatto tesoro della console così come molti bambini hanno fatto tesoro dei loro vermi. Ricordo che la Nintendo mi fu regalata insieme a una piccola pistola e il videogioco di Mario/Duck Hunt. Non riuscivo a smettere di stupirmi del fatto che la grafica di questo gioco facesse apparire quella di Atari molto scadente. Mi ricordo che dopo aver giocato per un paio d’ore continuavo a essere meravigliato della grafica e a pensare:”Non esiste niente di meglio”. Man mano che nuovi giochi venivano rilasciati, la grafica sembrava migliorare, o almeno questo era quello che pensavo. Rammento l’uscita di Zelda nella sua confezione dorata e il pandemonio scatenato dall’uscita di Mario Brothers 2 nel 1998. Ancora non riesco a dimenticare il giubilo provato all’uscita di Contra 99.


Ognuno di questi giochi hanno significato qualcosa per i ragazzini come me. Se avevi i giochi, era come se fossi il capitano di una squadra di calcio.

L'articolo prosegue subito dopo

Potevi trascorrere un fine-settimana a casa con gli amici, mangiato patatine, cibo cinese, pizza e giocando fino a tarda notte. Anche se nessuna di queste cose sembra giusta per la società odierna, così attenta a tenere il peso sotto controllo, allora era solo un modo grandioso e innocente di divertirsi. Per me la Nintendo era la console preferita, perché durante quei giorni ormai considerati era giurassica della tecnologia, era un modo per unire bambini concentrati solo nell’essere bambini. Otto bit era tutto ciò di cui avevamo bisogno!

Leggi anche

Meetic chat: come funzionano
Tecnologia

Meetic chat: come funzionano

Meetic chat: come funzionano, quali sono i costi di una delle applicazioni più famose al mondo, utilizzate da uomini e donne per trovare l’amore. Meetic è una piattaforma social il cui scopo è quello di far trovare l’amore alla gente. È molto diffusa e utilizzata da uomini e donne. Si tratta di un social che in questi anni ha goduto di una vasta pubblicità. Inizialmente iscriversi era gratuito per le donne, ora però pagano entrambi i sessi. I costi non sono molto bassi, ragion per cui ebbene pensarci molto bene prima di registrarsi. Per iscriversi, basta entrare nel sito e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*