Quanto tempo si ha per rinnovare la patente COMMENTA  

Quanto tempo si ha per rinnovare la patente COMMENTA  

rinnovare la patente
rinnovare la patente

Quanto tempo si ha per rinnovare la patente dopo il termine di scadenza? Cosa bisogna fare e a chi bisogna rivolgersi? Ecco cosa fare.

Quanto tempo si ha per rinnovare la patente? Rinnovare la patente è importante per la sicurezza stradale e per il rispetto delle leggi. Dal 2012 per rinnovare la patente si utilizza la “regola del compleanno”, ovvero la data segnata come quella limite per la scadenza dei documenti (anche quelli di identità) sarà quella del nostro compleanno, la nostra data di nascita. Per la patente B, quella che consente di guidare qualsiasi auto, i camper e anche le macchine agricole, i tempi previsti per il rinnovo hanno delle scadenze che dipendono da un fattore età. Infatti, è previsto:

– un rinnovo ogni 10 anni se si ha un’età compresa tra i 18 e i 50;

– un rinnovo ogni 5 anni se si ha un’età compresa tra i 51 e i 70;

– un rinnovo ogni 3 anni se si ha un’età compresa tra i 70 e i 80;

– un rinnovo ogni due anni se si ha oltre 80 anni.


Qualora per determinati motivi ci si dimenticasse del rinnovo patente, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture ha indicato delle linee guida da seguire. Ad esempio, sono indicati tre anni per il limite della validità della patente dopo la data di scadenza, dopodiché è d’obbligo fare il rinnovo.


Cosa fare per il rinnovo della patente

Sono previsti 30 giorni per richiedere il rinnovo della patente, in cui vi verrà consegnato un foglio provvisorio (in attesa della verifica dei requisiti per la guida) che permetterà di circolare aspettando che vi venga consegnata la patente. Dal 2013, inoltre, è stato abolito il bollino adesivo, dunque verranno spedite solo patenti con il nuovo formato, quello europeo.


Capita di non poter effettuare il rinnovo della patente per motivi di salute, in questo caso è possibile fare richiesta presso la motorizzazione per un modulo di sospensione temporanea della guida, sempre dopo visita medica.

L'articolo prosegue subito dopo


Se non si rinnova la patente in un tempo massimo previsto di tre anni, sarà necessario rifare l’intero esame di guida, sia la parte teorica sia la parte pratica. Questo comporta un aumento dei costi, dal momento in cui, se trovati in possesso di patente scaduta vi è il ritiro automatico della stessa, in più il pagamento di una multa, a seconda della gravità, con cifra variabile, ovvero dai 148 euro ai un massimo di 594 euro.

A chi rivolgersi

Sarebbe opportuno rinnovare la patente quattro mesi prima della scadenza effettiva riportata sulla data. Per il rinnovo bisogna fare una visita medica per accertare che ci siano tutti i prerequisiti per la guida. A quali enti è possibile rivolgersi?

Una prima soluzione è sicuramente l’ASL, scegliete quella più vicina a voi, e dopo la visita, vi verrà rilasciato un foglio sostitutivo della patente. Il prezzo è tra i 20 e i 50 euro.
Una seconda soluzione è ACI e, ovviamente, la scuola guida. Un’alternativa è rivolgersi alle Ferrovie, è infatti un’alternativa più economica rispetto le precedenti (circa 35 euro) a cui si dovrà poi aggiungere la spesa per la marca da bollo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*