Quattro idee fitness da fare al mare COMMENTA  

Quattro idee fitness da fare al mare COMMENTA  

Mare azzurro, spiaggia dorata: finalmente sono arrivate le vacanze, dopo i mesi faticosi lasciati alle spalle. Approfittane per una pausa di relax per la mente e benessere per il corpo. Qui di seguito ti proponiamo quattro attività “acquatiche” che, oltre a farti divertire, ti aiutano a mantenerti tonica e snella. Risultati garantiti: ti abbronzi, rassodi i muscoli e, grazie allo iodio presente nell’aria che stimola la tiroide, acceleri il metabolismo e bruci di più. Non solo: l’acqua del mare svolge un’azione snellente soprattutto per le gambe, poiché migliora la circolazione sanguigna.


Prima di tuffarti, però, cammina per circa dieci minuti: stimoli il ritorno venoso e cominci nel modo più giusto la tua seduta all’insegna del benessere. La palla in spiaggia è una perfetta alleata per contrastare la ritenzione idrica. Puoi utilizzarla come attrezzo per tonificare gambe, braccia e addominali. Più la palla è voluminosa, più resistenza farà l’acqua e più faticosi ed efficaci saranno gli esercizi. Per praticare l’acquaball è perfetta quella da beach volley.


Il paddle è una disciplina che si sta diffondendo lungo tutta la costa italiana. Consiste nello stare in equilibrio su una tavola simile a quella da surf, controllandola con l’uso di una pagaia (chiamata appunto paddle). Non servono onde oceaniche per allenarsi e divertirsi: il paddling si può praticare anche con un mare calmo o poco mosso. Grazie al movimento di pagaiata si tonificano spalle, braccia e pettorali, mentre glutei e quadricipiti si definiscono per il continuo lavoro di assestamento dell’equilibrio sulla tavola. Alternando la pagaiata a destra e a sinistra le torsioni del busto scolpiranno gli addominali.


Il bodyboard o body surf è una mini tavola da surf che si utilizza sulle onde basse vicino alla spiaggia. Si appoggia la pancia sulla tavola, ci si spinge al largo remando con le braccia e si torna a riva, lasciandosi trasportare. Puoi indossare le pinne da surf, più corte di quelle usate per lo snorkeling, che ti aiutano a rincorrere le onde,  a prendere la spinta e a dirigere la tavola. Frasi trasportare dalla marea è una sensazione inebriante che ti regala il gusto della sfida e migliora la sicurezza nelle tue possibilità, fisiche ma anche mentali.

L'articolo prosegue subito dopo


Lo snorkeling si pratica invece utilizzando maschera e pinne, andando in immersione. Con questa disciplina puoi allenare anche i polmoni con brevi immersioni in apnea. Mentre nuoti guardando le meraviglie del fondale marino alterna il movimento delle braccia e delle gambe per qualche minuto. Guardando nel blu, ammirando le meraviglie del fondale marino, ti sentirai libera e leggera.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*