Questo fine settimana Florence Wine Event 2010

Firenze

Questo fine settimana Florence Wine Event 2010

Ritorna il Florence Wine Event 2010: nel cortile dell’Ammannati di Palazzo Pitti si assaggiano fino a domenica 250 tipi di vini differenti da tutta Italia, grappe, olio nuovo, ma si assisterà anche a un “match di improvvisazione degustativa” con i sommelier Leonardo Romanelli e Andrea Gori (sabato 20 novembre). Il Florence Wine Event, voluto anche per promuovere l’Oltrarno fiorentino vedrà la partecipazione di 130 aziende vinicole, tra cui quelle fiorentine, biologiche e biodinamiche, promosse dall’associazione Renaissance du terroir, che raccoglie numerosi “Vignerons” italiani che coltivano con metodi molto particolari. (La partecipazione alle degustazioni costa 10 euro per 12 assaggi). Sabato al Ristorante Ora d’Aria (via de’ Georgofili) va in scena “tapas d’autore e birra” (prenotazione raccomandata allo 055.2001699), mentre appena fuori città, domenica c’è una giornata dedicata all’olio extravergine di oliva scandita da assaggi, degustazioni di extravergini di qualità e laboratori di approfondimento all’azienda agricola Lanciola (Impruneta). Sempre a Impruneta (sabato alle 11,30) si terrà l’iniziativa “Il cotto e mangiato”: protagonista indiscusso il “peposo”, preparato secondo la ricetta originale, appena certificata dall’Accademia italiana della cucina.

Se invece volete restare sul tema del vino il pranzo proposto è al Cenacolo del Pescatore: il Chianti qui si sposa con il baccalà (costo del pranzo 40 euro, vini inclusi). Altro appuntamento d’obbligo è da Burde (via Pistoiese) per il “Life of wine: viaggio nelle età del vino”. Ci si può scegliere con quale produttore cenare: la cena è alle 21 e ciascun partecipante potrà dire di quale vino ha più curiosità e scegliere gli ospiti alla sua tavola. Infine lunedì a Palazzo Medici Riccardi si parlerà di cibo da un punto di vista tutto universitario: l’incontro-dibattito aperto al pubblico avrà come tema la possibilità di creare a Firenze un corso di laurea di taglio enogastronomico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche