Race for the cure, la maratona in rosa con 50mila persone

Salute

Race for the cure, la maratona in rosa con 50mila persone

I tre giorni da dedicare alla salute, allo sport e al benessere oggi si sono conclusi. Le donne che hanno avuto a che fare o stanno ancora lottando con questo terribile male, le vere protagoniste della «Race for the Cure», sono state munite di una speciale maglietta rosa con cappellino coordinato, e supportate da tantissime iniziative dedicate. La maratona tutta in rosa “Race for cure” organizzata dalla Susan G. Komen Italia, per sensibilizzare e promuovere la prevenzione sul tumore al seno sieri ha inaugurato l’edizione con un minuto di silenzio dedicato l’attentato di Brindisi e per il terremoto di questa notte in Emilia Romagna. Hanno aderito addirittura 50mila persone colorando le strade della città e percorrendo i 5 chilometri della corsa in nome della prevenzione e di una vita in salute. Tra i presenti anche il presidente dell’associazione Noi X Roma, Isabella Rauti, e il delegato alle Politiche sportive di Roma Capitale, Alessandro Cochi.

“Noi X Roma ha aderito con più di 50 persone alla manifestazione formando un team dedicato chiamato Noi X le donne. Questa giornata è servita per comunicare a tutti che il tumore può e deve essere sconfitto e che c’è una grande solidarietà per sostenere la donna. Quello che fanno le associazioni però, sarebbe opportuno venisse proposto anche dalle strutture socio-sanitarie”, afferma Rauti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Chiara Cichero 1239 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.