RAMACCA le discariche della MEMORIA COMMENTA  

RAMACCA le discariche della MEMORIA COMMENTA  

Era il 2009 quando venne scoperta una discarica abusiva nelle campagne del territorio agricolo di Ramacca, furono ritrovati circa 50 tonnellate di rifiuti tossici nell’area che costeggia il torrente Gornalunga.

Leggi anche: Quale frutta e verdura contiene vitamina D

La guardia di finanza arrivò a quella scoperta grazie al satellite di Google Earth, la particolarità delle scie nel territorio crearono il sospetto che ci fosse qualcosa di anomalo e difatti, scavando a tre metri di profondità, vennero ritrovati rifiuti di ogni genere, tra cui pericolosi rifiuti ospedalieri.

Leggi anche: Quattordicenne morta di cancro ibernata nel Regno Unito

Indubbiamente il territorio circostante e le falde acquifere sono ancora fortemente inquinate, provocando danni alle coltivazioni e all’allevamento degli animali, ma se cerchiamo di venire a capo di ciò che è accaduto ci risulta impossibile.

A chi apparteneva quel territorio? Da quanti anni si vedevano questi camion scaricare rifiuti?  Il terreno è stato bonificato? – la domanda lecita nasce dal fatto che altre discariche abusive a Ramacca non sono mai state bonificate- Quanto la  salute dei cittadini è stata compromessa? Chi sono i responsabili? Sono tutte domande che avrei voluto fare al sindaco Francesco Zappalà (PD) e alla sua classe politica o a quella precedente – sparita-, eppure non mi è stato possibile farlo.

L'articolo prosegue subito dopo

Se andiamo nel sito del comune di Ramacca non troveremo un solo numero utile, un orario di ricevimento, un barlume di speranza, se non una delibera che risale al 2010 dove si dichiara di voler indagare sul dilagante fenomeno dei tumori e dei decessi. Se poi volessimo delle informazioni dalla Regione, il sito dell’ ARRA – Agenzia Regionale per i rifiuti e le acque-  lo troveremo aggiornato all’anno 2008 con tanto di scuse per il disagio. Eppure  ricordo benissimo i vari comizi elettorali per le elezioni comunali del 2011, in quell’occasione  la questione della discarica fu la bandiera con la quale i vari candidati a Primo Cittadino propinavano trasparenza e legalità. Il sindaco che poi venne eletto, il già citato Zappalà, si autodefinì il sindaco del popolo, malissimo perché quel popolo, di cui faccio parte, è sempre più malato,  ogni giorno il cancro fa il suo trionfale ingresso e distrugge la vita, le famiglie, la comunità. La presenza della discarica e l’aumento dei malati sarà forse una strana coincidenza, ma di qualunque cosa si tratti è giusto fare chiarezza, è giusto che i colpevoli  e gli omertosi si assumano le proprie responsabilità o, forse dobbiamo aspettare le prossime elezioni comunali per sapere di che morte moriremo?

Castellano Stefania

Leggi anche

No Picture
Catania

Verranno acquistati più mezzi per la Circumetnea

Sarà rinnovato il parco mezzi della Circumetnea con l’acquisto di 35 nuove vetture che rafforzeranno la presenza dell’azienda dei trasporti all’interno del territorio. L’annuncio è stato dato da Gaetano Tafuri, commissario governativo Fce, dopo un incontro con le maggiori cariche sindacali. L’acquisto dei mezzi rinnoverà il parco vetture che attualmente ammonta a circa 67 unità.Inoltre saranno intensificati i controlli sia nelle linee extraurbane che in metropolitana per evitare che gli utenti possano salire nelle vetture sprovvisti di biglietto.

11 Commenti su RAMACCA le discariche della MEMORIA

  1. Sono Franco Zappala, attuale Sindaco di Ramacca, nel leggere questo articolo, rimango veramente stupito per la grossolanità, la faziosità e la totale assenza di informazioni di chi scrive queste sciocchezze. Rimango comunque disponibile ad un confronto al fine di dimostrare l attività svolta nell interesse di tutta la comunità.

  2. Sono Franco Zappala, attuale Sindaco di Ramacca, nel leggere questo articolo, rimango veramente stupito per la grossolanità, la faziosità e la totale assenza di informazioni di chi scrive queste sciocchezze. Rimango comunque disponibile ad un confronto al fine di dimostrare l attività svolta nell interesse di tutta la comunità.

    • Il modo migliore xi contrastare questa linea…di disinformazione…è quello di fare informazione, pubblica, il confronto con il singolo cittadino nn è efficace…Io ho visto questo articolo postato in Ramacca blog e in Amici di Ramacca…ecco si può cominciare a fare informazione da questi gruppi….

    • Sono Stefania Castellano, sono colei che ha scritto l'articolo e se legge bene vede che l'articolo in questione è un accusa alla mancanza di informazione di questa e delle precedenti amministrazioni. Vi sono poste una serie di domande, gradiremo tutti delle risposte. L'unica cosa grossolana che leggo e la sua risposta priva di contenuti. Se posso darvi un consiglio spiegate ai cittadini come e perché il fetore delle discariche arriva fino a qui (io vivo a Catania). Non è una cosa personale verso di lei ( se Lei è Sindaco è anche grazie a me) ma quell'articolo rappresenta la VOLONTà di un popolo che esige trasparenza e informazione. Tutti la aspettano per un confronto. Ci voleva, a quanto pare, la faziosità delle mie parole, per ESSERE INFORMATI. Grazie.

    • Non voglio prolungare all infinito la discussione, quando verrai a Ramacca, avis ami in anticipo, così ti faccio avere un po' di materiale, in modo che il tuo prossimo articolo sia molto piu documentato. Cordiali saluti

    • Dimenticavo, come faccio ad avvisarla?Le ho scritto una mail per chiederle un intervista, ma non ho avuto risposta. Mi dica lei come posso contattarla.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*