Recensione di Binary Domain

Videogiochi

Recensione di Binary Domain


Binary Domain è in pratica una cover di un altro sparatutto: Gears of War. Essendo un grande fan di sparatutto come Doom e Resident Evil, ho scoperto che questo è andato oltre le mie aspettative per il genere. C’è qualcosa di soddisfacente nel dare il via alla carneficina. Onestamente, chi non ama far esplodere le cose?

La trama principale di questo gioco si basa su un gruppo di soldati che nel 2080 si unisce per investigare e fermare le falle del codice robotico internazionale, soprattutto per quanto concerne gli “hollow men” ovvero i robot che sembrano essere umani. Queste unità sono state trovate in USA, ma si pensa che siano state create in Giappone. Iniziate il gioco da soli, per raccogliere prove e scoprire il responsabile degli “hollow men”. Non voglio rivelarvi troppo sulla trama, ma abbastanza da dire che ci sono parecchi intrecci e colpi di scena lungo la via, che vi coinvolgeranno nella storia e non solo nella carneficina. I dialoghi tra i compagni di squadra sono eccellenti e abbastanza comici talvolta.

Il gioco è simile a qualsiasi altro sparatutto in circolazione, con l’eccezione di un lavoro di squadra ben adattato alla consequenzialità del gioco. Ogni membro della vostra squadra da un talento e delle abilità particolari, che non approfondirò qui, ma con le quali interagirete in modo positivo e che, se userete nella maniera più appropriata, vi permetteranno di aumentare il vostro livello di fiducia nei loro confronti. Questo permetterà alla vostra squadra di combattere meglio e vi fornirà nuove tattiche, provenienti da loro, su come gestire determinate situazioni. Ho trovato questo elemento una grande aggiunta, una volta che avrete acquisito i diversi modi per migliorare il vostro livello di fiducia. Ho qualche problema con l’aspetto relativo al riconoscimento vocale, ma ho scoperto che se parlate in maniera semplice e pronunciate le parole lentamente e chiaramente, il problema dovrebbe non sussistere. Anche se, talvolta, mi sembra di parlare come se avessi 3 anni. L’unico altro problema che ho avuto è che talvolta mi mettono k.o. e ho difficoltà a rialzarmi in fretta, così finisco per morire. Questo è stato frustrante qualche volta, specialmente durante i combattimenti principali; per il resto, il combattimento è realistico e soddisfacente.

Tristemente, questo gioco rivendica a gran voce un tipo di campagna in stile multi-giocatore, ma purtroppo non c’è. Non sono sicuro del perché non sia stata contemplata, ma questo è l’unico punto deludente che sono riuscito a trovare. La modalità multi-giocatore contiene solo una battaglia mortale e una missione per catturare la bandiera. Ho trovato quella di Call of Duty molto meglio.

Tutto sommato, ho trovato questo gioco molto avvincente e divertente. Direi senza dubbio di dargli una possibilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...