Recensione fiction “Questo è il mio paese”

Gossip e TV

Recensione fiction “Questo è il mio paese”

Non è proprio credibilissima Violante Placido nei panni della “sindachessa” di ferro incorruttibile, con un look decisamente troppo giovanile e fresco per il ruolo, se pur molto brava nel doppiaggio e dotata di un’intensa espressività. Era più convincente nella parte sensuale di Moana Pozzi, che aveva rivisitato in chiave del tutto personale, che non in quello di madre di due figli già grandi, lei che è ancora così acerba nel fisico e, forse un po’, anche nella recitazione. Impeccabile invece Michele Placido, attore maturo ed intenso, che non sbaglia mai un colpo.

La vicenda all’inizio appariva nel complesso un pò noiosa, già vista, non particolarmente interessante. Originale, tuttavia, il tema trattato della mafia negli appalti, nella politica, uno spunto che forse poteva essere meglio sviluppato, approfondito, ed anche Francesco Montanari, buon attore, avvezzo al teatro, non sembrava in principio molto a suo agio nel ruolo dell’ex fidanzato tenebroso, invischiato in traffici oscuri.

Bravi invece, fin da subito, i due ragazzi protagonisti della vicenda. Ed in effetti sono proprio loro la vera ventata di novità in uno schema che di per sè poteva apparire poco trascinante. Loro si, riescono ad emozionarci e a coinvolgerci, per non parlare dell’ultimo colpo di scena andato in onda ieri sera, che ha lasciato tutti con l’amaro in bocca. La fiction dunque, sebbene partita un po’ in sordina, comincia a prendere quota e ad avvincere, mentre restiamo tutti in attesa degli prossimi sviluppi di una storia che non esita a mostrare i suoi risvolti tragici.

Jole de Castro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...