Recensione: XBLA: Dead Block COMMENTA  

Recensione: XBLA: Dead Block COMMENTA  


Dead Block offre un’esperienza spensierata di sopravvivenza fra gli zombie attraverso una cooperativa locale (fino a quattro giocatori proiettati sullo schermo).

Obiettivo: Attraverso ciascun livello, il/i giocatore/i deve sopravvivere finché non raggiunge l’obiettivo (trovare tre pezzi di una chitarra o uccidere un certo numero di zombie)

Gioco: A prescindere dall’obiettivo, il gioco si basa sui giocatori che cercano di raccogliere risorse, distruggendo mobili e cercando oggetti, come scatole e libri. Dopo aver recuperato le risorse, i giocatori devono tenersi a distanza dalle continue ondate di zombie, usando blocchi (che possono essere spezzati) e una varietà di trappole, che sono uniche per ogni personaggio. Ciascun carattere è dotato di un’unica arma per combattere nella mischia (che è quella principale) e di un’arma solitaria (“una bomba intelligente” che è secondaria).

Raccomandazione: Questo gioco offre un’esperienza divertente per un gioco disinvolto e include più strategia che saccheggi e uccisioni. Tuttavia, il prezzo del gioco, 800 Punti Microsoft, è alto. Mi sarei aspettato che questo gioco costasse 400 punti. Se avete amici a cui piacciono i giochi di sopravvivenza dagli zombie e potete andare a giocare da loro, testate la versione prova, che include un piano per più giocatori. Se trovate l’esperienza divertente, allora dovreste comprare il gioco.

Leggi anche: Novità Nintendo Switch – Novembre 2016


Note chiave:

Il piano per un giocatore singolo ha degli obiettivi diversi da quello per più giocatori. (Benché entrambi prevedano il ritrovamento della chitarra e l’uccisione di zombie)

La modalità a un solo giocatore contiene aggiornamenti salvati dai piani precedenti. Quella per più giocatori resetta sempre gli aggiornamenti, ma questi possono poi essere salvati.

Leggi anche: Ride 2: lista moto


Il pacchetto delle mappe è accessibile, senza passare attraverso mappe precedenti. Tutte sono mappe Zomb-o-Matic per giocatori multipli. (Il pacchetto delle mappe costa ulteriori 240 punti)

Leggi anche

bufala
Tecnologia

Come riconoscere una bufala: pubblicità e web

La diffusione di notizie non verificate o di vere e proprie bufale sul web continua ad essere al centro dell’attenzione. Ma si può riconoscere una bufala? Dopo la presunta influenza esercitata nel corso delle presidenziali USA 2016, è arrivata di recente l’inchiesta di BuzzFeed sul Movimento 5 Stelle. Nel frattempo, Google e Facebook hanno annunciato di essere intenzionati a tagliare gli introiti pubblicitari ai siti che diffondono notizie false. Come vivono i siti di bufale Il sistema alla base dell’esistenza (e del proliferare) dei siti cosiddetti diffusori di bufale è legato a doppio filo alla pubblicità e al web marketing. Quando si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*