Reclutava terroristi anche in Italia, arrestato Abu Nassim

Esteri

Reclutava terroristi anche in Italia, arrestato Abu Nassim

libia abu nassim

Dalla Libia è arrivata la notizia dell’arresto del tunisino Abu Nassim. Era la figura di riferimento per il reclutamento di jihadisti in Italia.

Le autorità libiche hanno reso noto di avere portato a termine la cattura di Moez Ben Abdulgader Ben Ahmed Al Fezzani, meglio noto come Abu Nassim. 47 enne tunisino con una lunga storia giudiziaria alle spalle, anche in Italia. Abu Nassim è considerato l’uomo di riferimento per il reclutamento di terroristi in Europa, in particolare in Italia.

L’arresto sarebbe stato effettuato da forze vicine al generale Khalifa Haftar mentre Abu Nassim stava cercando di lasciare la città di Sirte per raggiungere la Tunisia. L’uomo si trovava con altri 20 terroristi fra le città di Rigdaleen e di Al-JMail, secondo quanto ha riportato il Libya Herald.

Abu Nassim è stato in passato catturato dagli americani e condannato a sette anni di carcere, trascorsi in un carcere a Bagram in Afghanistan.

In seguito, è stato in carcere anche in Italia – per 2 anni. Assolto in primo grado a Milano nel 2012 lasciò il nostro paese poco prima della condanna a 6 anni in appello.

In Libia, Abu Nassim ha preso il comando della base Isis di Sabratha prima, di Bengasi e Sirte poi. Le autorità tunisine lo considerano il terrorista più ricercato al mondo in quanto ritenuto responsabile dell’attacco a Ben Guerdane dello scorso marzo in cui morirono 58 persone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche