Reggina: esonerato Gregucci, torna Breda COMMENTA  

Reggina: esonerato Gregucci, torna Breda COMMENTA  

Costa caro ad Angelo Gregucci il pareggio subito all’ultimo secondo di recupero nel derby contro il Crotone: il presidente della Reggina Lillo Foti ha infatti deciso di esonerare il tecnico pugliese per richiamare Roberto Breda, allontanato lo scorso 8 gennaio dopo l’ultima partita del girone d’andata. Si tratta del ventitreesimo cambio di allenatore nell’attuale torneo di Serie B, un record già stabilito e che continua ad aggiornarsi. Gregucci lascia con un bilancio in perfetta parità fatto da quattro vittorie ed altrettante sconfitte con cinque pareggi ma con una media-punti di 1,3, leggermente inferiore a quella che costò il posto a Breda (1,6) che a fine andata lasciò la squadra al sesto posto, l’ultimo utile per la zona playoff, ritrovandola ora ad otto lunghezze dal sesto posto. Numeri che confermano come, a prescindere dalla guida tecnica, i problemi della Reggina siano altrove.


Curioso sottolineare come sia Breda che Gregucci siano stati sollevati dall’incarico dopo due pareggi consecutivi: contro Sassuolo e Vicenza per Breda, contro Brescia e Crotone per Gregucci che, tra le due partite, ha condotto la squadra anche nel primo tempo contro il Torino, chiuso in svantaggio, nella partita poi sospesa per maltempo e che verrà conclusa mercoledì 25 aprile dalle 14.30: un altro paradosso dell’impaziente calcio italiano vedrà quindi una squadra disputare la stessa partita con due allenatori diversi.

Un segnale della scontentezza di Foti che dopo la beffa dello scorso anno nella semifinale playoff contro il Novara non vuole arrendersi a rimanere fuori dalla lotta per gli spareggi già a sette giornate (sei e mezzo…) dal termine.

Il distacco sembra però davvero abissale, sia per il passo spedito delle concorrenti sia per quello sincopato di una Reggina che difetta nel gioco e nella continuità.

L'articolo prosegue subito dopo

E visto che il distacco tra Foti e Breda era stato tutt’altro che indolore quella di richiamare l’ex allenatore sembra più che altro una soluzione-ponte per chiudere almeno dignitosamente una stagione deludente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*