Regione: il consigliere del PD Mauro Laus è il più ricco COMMENTA  

Regione: il consigliere del PD Mauro Laus è il più ricco COMMENTA  

Il più ricco di Palazzo Lascaris è sempre lui, l’imprenditore e consigliere del Pd Mauro Laus, titolare della Rear, cooperativa di servizi presente in ambito museale su tutto il territorio nazionale. Da anni è suo il primo posto per i redditi più alti del Consiglio regionale e il suo reddito imponibile per il 2010 supera i 326 mila euro all’anno. Il commento a caldo richiama l’attualità dei blitz di Cortina: “Nella stagione dei falsi poveri in elicottero sono onorato di guidare una classifica stilata sulla base della dichiarazione dei redditi. E di guidarla senza sfarzi” dice. E poi precisa: “Ma nella hit di quanto ogni singolo consigliere percepisce come extra per trasferte, missioni e simili, sono sicuro di essere agli ultimissimi posti”.

Dall’altra parte però si sente ancora l’eco dei lavoratori della sua Rear, nota cooperativa torinese che gestisce una miriade di servizi sul territorio con quasi 1000 dipendenti.


Sembrerebbe che da molto tempo, ma in particolare negli ultimi mesi, gli operatori della cooperativa si siano ritrovati in situazioni al limite della decenza. La maggioranza dei funzionari sarebbe schiacciata già da un contratto di lavoro definibile “da fame”, quello delle cooperative firmato tra Unci e Confsal che prevede 4 € all’ora più qualche spicciolo per 8 ore di lavoro al giorno.


Nello specifico il 20 giugno 2011 l’assemblea dei soci che fornisce gli operatori al Museo del Cinema applica una decurtazione del 10% al già imbarazzante stipendio percepito dalle “maschere” operanti alla Mole Antonelliana (5,45€ lordi all’ora), risultato di una votazione con voto palese che ha raggiunto una maggioranza tra presenti e delegati. Una votazione che però non ha lasciato molto spazio a minoranze, infatti nei giorni successivi alcuni soci temerari che, durante l’assemblea, hanno avuto l’audacia di votare “no” alla decurtazione, sono stati “sollevati” dall’incarico. Ma salta all’occhio un particolare episodio, quello di un’impavida e onesta  lavoratrice che dopo 11 anni di lavoro, senza mai una lettera di contestazione, è stata licenziata forse per avere espresso un personale punto di vista.


Ma ancora più particolare è l’approccio che la società ha avuto verso un tentativo di costituire una struttura sindacale esterna alla Rear, infatti il gruppo dei lavoratori operanti alla Mole che hanno deciso di aderire al nuovo sindacato hanno ricevuto il disconoscimento della struttura sindacale, in quanto la Rear opera già con proprie r.s.a., con successive ricadute come sospensioni, lettere di avvertimento e licenziamenti.

L'articolo prosegue subito dopo

Sorveglianza, servizi di accoglienza, gestione archivi e servizi museali nei principali istituti di Torino e Provincia (Reggia di Venaria, il Museo del Cinema, il Teatro Regio, la Pinacoteca Agnelli e molti altri) sono questi alcuni aspetti di cui si occupa l’impresa collettiva guidata da Mauro Laus, consigliere regionale del Partito Democratico.

Leggi anche

5 Commenti su Regione: il consigliere del PD Mauro Laus è il più ricco

  1. io sono un dipendente di sicuritalia la nostra situazione e la stessa se non peggiore noi siamo i bigliettai della linea 4 torino, facciamo i controllori per conto di gtt e sicuritalia a formato un ati con rear . noi percepiamo ancora di meno la nostra paga e di 4.90/ora lordi.. netti in busta 3.80/ora il nostro contratto invece e quello dei custodi e portieri di condominio per il minimo tabellare con inq a.5 . noi per primi abbiamo denunciato la sicuritalia presso studio legale sinopoli e li abbiamo denunciati a tutte le segreterie di partito con l'appoggio dei usb e adesso di cgil filcams. abbiamo denunciato il fatto anche a gli organi di stampa.. republica la stampa e altri quotidiani minori anno parlato di noi…. solo cronaca qui non parla dei nostri trattamenti economici non capisco perche'. aiutateci questo e' l'appello che posso farvi facciamo un lavoro molto rischioso, anno calpestato tutti i nostri diritti e la nostra dignita' tutti i giorni dalle due cooperative con trattamenti di minacie e vessatori nei nostri confronti. sicuritalia e rear anno le stesse responsabilita' perche sposate in ati. grazie dai 60 agenti di controllo della linea 4 gtt.

  2. Certo che in Italia non c'è fine al peggio persone che guadagnano un sacco di soldi sfruttando la gente che ha bisogno si dovrebbero vergognare caro Maurizio mi dispiace per la vostra situazione ricordatevene quando andrete a votare il prossimo anno ciao

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*